Immagine
 Sleeping Track... di Tracca
 
"
And crawling on the planet's face, some insects called the human race, lost in time and lost in space and meaning.

Richard O' Brian, "The Rocky Horror Picture Show"
"
 
\\ WWW.TRACCA.NET : Storico : Le Trackulenze (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Tracca (del 19/10/2009 @ 15:08:49, in Le Trackulenze, linkato 745 volte)

È bastato niente.

È bastato così poco.

Per settimane ho pensato a quante cose avrei voluto farle sapere, a quante cose avrei voluto commentare con lei… Un disco che esce, un libro nuovo visto alla Feltrinelli, un film che ancora non ho visto e lei sicuramente sì, una serata speciale con un grande vecchio artista in un posto insolito per un recital, il campionato di calcio… Settimane, mesi passati ad allontanare questi pensieri, con la consapevolezza di non essere ancora pronto, di essere appena all’inizio di un percorso virtuoso dedicato esclusivamente a me stesso, in cui non c’è spazio per nessuno, in cui non c’è spazio per lei.

E poi.

E poi ieri sera tardi era lì, davanti ai miei occhi, col suo sorriso dolce e gli occhi grandi rivolti a un obiettivo che ne fermava l’immagine. Ma in quel momento, al posto dell’obiettivo, c’ero io. “È solo una sua foto, mi sono detto, solo una sua foto, solo una sua foto…”.

Appunto.

 
Di Tracca (del 04/10/2009 @ 22:29:27, in Le Trackulenze, linkato 760 volte)

Scusate.
Forse ho capito male io.
O forse ho sentito male.
O forse ho letto male.
Ma ho cercato su diverse fonti e tutte riportano questa frase detta da Silvio Berlusconi oggi a Messina: “Avevamo previsto il disastro e dato l’avviso. Poi le precipitazioni sono state ancora più intense delle previsioni. E' stato un evento eccezionale”.
Scusate.
Ho un improvviso mal di testa.
Non capisco.
Scusate.
Cosa cazzo vuol dire: “Avevamo previsto il disastro e dato l’avviso”?
Non capisco.
E se avevate previsto il disastro e dato l’avviso, com’è che oltre 60 persone sono state inghiottite dal fango? Perché non le avete evacuate in tempo, prima che le precipitazioni diventassero “più intense delle previsioni”?
Non capisco.
Non capisco e mi sta montando dentro una rabbia cieca e furiosa.
Possibile che non fosse possibile fare andare via quella gente da casa loro? Possibile che non li si potesse forzare ad andare a casa di parenti, amici, in alberghi, in conventi, in chiese, in fottuti monasteri, nella fottuta prefettura, nel fottutissimo palazzo della Provincia… ma PRIMA che la montagna violentata dal cemento abusivo venisse giù carica d’acqua e morte?
Per quale motivo non si riesce mai ad evitare le tragedie in Italia? Soprattutto nel Sud Italia? Perché? Perché, se il disastro era stato previsto e lo dice il fottutissimo capo del fottutissimo governo di questo fottutissimo paese che odio, odio, odio sempre di più?
AVEVAMO PREVISTO IL DISASTRO.
Lo avevano previsto. E nonostante la previsione ci sono (a questo momento) 24 morti e 39 dispersi. Complimenti. E se non lo aveste previsto? Ve lo dico io. Sarebbe stato lo stesso, avremmo avuto gli stessi morti, ma forse il dolore sarebbe stato minore. Perché tutti noi sappiamo che non è la pioggia che uccide, in questi casi, ma è l’uomo, l’uomo che costruisce abusivamente. Quindi sono gli stessi messinesi che hanno costruito quelle case, in quel modo, che si sono condannati a morte da soli. E questo è già abbastanza doloroso.
Ma dover sopportare anche le parole di un uomo ormai palesemente incapace di intendere e governare, dover sopportare queste parole: A-V-E-V-A-M-O-P-R-E-V-I-S-T-O-I-L-D-I-S-A-S-T-R-O, è troppo. Troppo persino per me che me ne sto tranquillo a casa a Roma, figuriamoci per chi sta a Messina, e spera di ritrovare almeno un cadavere da seppellire cristianamente, per non doverlo lasciare lì, sommerso sotto quel piccolo Vajont siciliano.
Ti sono vicino, Esmeralda, ti sono vicino e ti “giuro che la stessa rabbia sto vivendo” (cit.).

 
Di Tracca (del 16/09/2009 @ 17:17:17, in Le Trackulenze, linkato 632 volte)

Ieri, nel primo pomeriggio, il tam-tam ha iniziato a diffondersi, particolarmente su Facebook: “Stasera ore 21 spegni Raiuno”. Anche io l’ho inserito sul mio profilo, come migliaia di altre persone, immagino. Solo tra i miei “amici” almeno una decina lo ha fatto. Confesso di avere pensato che si trattasse dell’ennesima masturbazione mentale autoconsolatoria di noi facinorosi antiberlusconiani, e che la trasmissione di Vespa sulla consegna delle prime case ai terremotati di Onna avrebbe comunque riscosso un grande successo.

E invece.

Invece il sacro share si è fermato al 13,47%, per un totale di 3.219.000 spettatori.

Pochi.

Molto pochi.

Pochissimi.

Pochèrrimi.

Un segno di risveglio? Un segno di stanchezza? Un segno di fastidio per una trasmissione totalmente inutile e sfacciata, il cui unico senso era di glorificare il nostro Caro Leader, dato che tutti i notiziari di giornata mandati in onda nell’italico etere erano (giustamente) colmi fino alla nausea di servizi sulle “casette di Onna”?

Ma soprattutto: che ruolo ha avuto il tam-tam su internet, il passaparola su Facebook? Quanta gente come me si è convinta a non guardare nemmeno un minuto di Porta a Porta, e quindi di contribuire attivamente a questo clamoroso flop, dopo aver condiviso con amici e conoscenti questa determinazione?

E se la sera del 15 settembre 2009 rappresentasse davvero un momento di svolta nella percezione delle possibilità infinte che possono scaturire dalla condivisione di idee tra singoli soggetti, persino in un paese triste e rassegnato come l'Italia? Non mi pare che i media abbiano finora fatto questa riflessione, ma magari mi sbaglio. Alla fine è importante che la facciano tante persone, che la faccia io. E che magari qualcuno di voi la condivida. Nella sua testa, ma – perché no – anche su Facebook. Grazie. :)

 
Di Tracca (del 07/09/2009 @ 16:30:35, in Le Trackulenze, linkato 545 volte)

Guardare alle cose dell’Italia dall’estero è sempre divertente, anche se è quel tipo di divertimento che ha un sapore vagamente deprimente… come i film dei vari “vanzinèidi” italici, che a furia di turpiloquio ogni tanto ti strappano una mezza risata, lasciandoti però con un senso di vuoto e disagio che somiglia parecchio alla nausea.

Se poi la geopolitica mondiale ci regala un meraviglioso comprimario come Gheddafi, fantasmagorica spalla di un leader tanto improbabile quanto reale come è il nostro perfettamente-funzionante-utilizzatore-finale Papi Silvio, la commediola farsesca assume toni da allucinata demenza. E’ come vivere in un quadro di Dalì, dove gli orologi non sono l'unica cosa moscia, però... (apro una parentesi: su chi tra i due sia il primattore e chi la spalla potrebbe aprirsi un dibattito più lungo della querelle Laurel-Hardy, ma qui da noi il “buon” Muhammar può solo essere comprimario… questione di prospettiva!)

Quando però ho letto su El Pais un trafiletto sulla proposta del dittatore libico di smembrare la Svizzera e darne un pezzo anche a noi, mi sono esaltato. “Quest’uomo è un genio!”, ho gridato tra me e me sorseggiando un bicchiere di sangria annacquata, seduto in un locale della Costa Brava. "Ma sai che balzo, il PIL nazionale, se ci andiamo a sommare anche quello del Canton Ticino?".

E poi, dato che son sicuro che i cantonticinesi, pur di non finire in pasto all’Italia, faranno carte false per riuscire ad emigrare nella nuova regione svizzerofrancese o in quella svizzerotedesca, noi ci ritroveremmo un’intera regione vuota dove spedire tutti gli immigrati clandestini, tutti i laureati stranieri che da noi puliscono cessi o culi di vecchi, tutti gli indesiderati, tutti i meridionali che infestano le sacre terre del nord padano: lo ribattezzeremo il Canton Terùn! E quando l’economia del Canton Terùn riprenderà a volare, facendo le pernacchie alla Lombardia e al “mitico” nord-est di stocazzo, sarò felice di leggere per le vie di Lugano cartelli come: “Non si affitta ai padani”.

Grazie Muhammar, sarai anche stato il mandante della strage di Lockerbie, ma sei l’unico leader mondiale capace di darci la speranza di un futuro migliore.

 
Di Tracca (del 20/08/2009 @ 01:01:01, in Le Trackulenze, linkato 467 volte)

Domani parto per le vacanze. Mi dedico questa bellissima canzone di Ettore Giuradei.

PORTERO' CON ME

Porterò con me
l’imbarazzo del primo bacio
e i tuoi occhi nel lago
le tue smorfie piccanti
strofinandoci il naso
la speranza spezzata
di toglierti le calze
di vederti dormire
coi pugni sulle guance
Porterò con me
un maglione mai lavato,
le tue cadute nel buio
la sconfitta,
l’ingenuità d’innamorarmi
la tua testa sulla spalla
e i tuoi occhi bagnati
il profumo del legno
e delle lenzuola
Porterò con me
l’intimità delle nostre carezze
e sorrisi puerili
la tua silenziosa sorpresa
sotto l’ultima luna
il vento freddo pungente
e l’abbraccio più caldo
e quel fare l’amore
per fermare il tempo.

A presto.

 
Di Tracca (del 04/08/2009 @ 17:35:35, in Le Trackulenze, linkato 450 volte)

Come si fa?

Come si fa a selezionare i pensieri che arrivano alla testa?

Come si fa ad impedire ad alcune idee di sorgere ed invadere il cervello?

Come si fa a chiudere le porte alle elucubrazioni senza costrutto, alle pippe mentali, alle flatulenze cerebrali?

Come si fa a cancellare l’assillante presenza di cose senza ormai valore alcuno se non quello della memoria?

Come si fa ad aprire l’archivio?

Come si fa ad inserirvi una pratica così voluminosa, se il cassetto è poi così piccolo?

Come si fa a respirare senza affanno?

Come si fa a sorridere senza inganno?

Come si fa a girare l’angolo dietro il quale mi aspettano le meraviglie del resto della mia vita?

Come si fa a vivere sempre solo di sconfitte e di rare vittorie risicatissime vanificate dal primo soffio di vento contrario?

Come si fa a smettere di scrivere stronzate? Facile, smetto subito.

Ciao a tutti, buone vacanze.

 
Di Tracca (del 03/08/2009 @ 11:11:11, in Le Trackulenze, linkato 483 volte)

Una delle tante belle canzoni degli OfflagaDiscoPax, una delle più belle, si chiama “Sensibile” e parla di Francesca Mambro e Giusva Fioravanti, dei loro omicidi, delle loro condanne, del fatto che la Mambro abbia definito in un’aula di tribunale l’uomo della sua vita, Fioravanti appunto, come “l’uomo più sensibile che avesse mai conosciuto”.

Giustamente inorridito da tanta assurdità, Max Collini rivendica il loro (e il mio, per quel che conta) modo di essere sensibili, convenzionalmente chiamato “neosensibilismo”, che per nessun motivo può essere confuso con quello di un uomo che ha fatto della violenza gratuita e della furia omicida una ragione di vita, un uomo che è stato condannato in via definitva anche per la strage di Bologna. Il fatto che Fioravanti e Mambro abbiano sempre negato il loro coinvolgimento in quella pagina nerissima della nostra storia, al contrario degli altri omicidi rivendicati e confessati, non conta. Non conta per nessuno e soprattutto non conta per la legge. “Sensibile” si conclude con l’amara constatazione che entrambi i coniugi Fioravanti sono fuori di galera, e che quindi, al momento, vincono due a zero.

Il vantaggio si è ora allargato. Giusva Fioravanti oggi è un uomo completamente libero. A 51 anni ha la possibilità di ricominciare da capo, non ha più conti da saldare con la giustizia italiana. Quindi in Italia anche l’ergastolo è in realtà un “ergastolo relativo”. Anche molti ergastoli attribuiti a una sola persona sono “ergastoli relativi”. Sia chiaro: io ho sempre pensato che il carcere non debba servire come punizione assoluta ma come processo di reinserimento di una persona nella società. Anche di un pluriergastolano. Quindi il cervello mi dice che se Giusva Fioravanti ha estinto la sua pena è giusto che abbia la possibilità di rifarsi una vita insieme a Francesca Mambro.

Ma poi, come spesso mi capita in questi ultimi mesi, decido di mandare affanculo la mia parte razionale e logica, lasciando che i miei pensieri trovino libero sfogo e nessuna (auto)censura.

E allora penso che le condanne definitive per alcuni reati non dovrebbero prevedere né ravvedimenti né riduzioni di pena. Penso che gli omicidi seriali, le stragi, il macello di vittime innocenti che avevano la sola colpa di essere in attesa di un treno per le vacanze non dovrebbero MAI prevedere l’estinzione della pena, MAI, in nessun caso.

Non chiedo né la pena di morte né il “buttare via la chiave”. Niente affatto. A me può stare benissimo che uno come Giusva Fioravanti, dopo tanti anni, possa lavorare fuori dal carcere, che possa usufruire di permessi in cui vedersi con la moglie e dare libero sfogo a tutta la sua sensibilità repressa in carcere. Ma casa sua deve restare la galera. Fino alla morte. Il fatto che possa tornare libero, completamente libero, senza alcun obbligo, dopo una serie di condanne definitive per omicidio e strage più lunga dell’elenco dei dietologi che ho conosciuto negli ultimi 20 anni… Semplicemente mi inorridisce. Mi fa orrore. Mi fa venire voglia di urlare. Mi fa venire voglia di riascoltare per la millesima volta “Sensibile” e piangere. Piangere per le vittime della più orribile strage di stato mai vista in Italia (sarò un vecchio rincoglionito, ma tali per me restano tutte le stragi nere degli anni 70) e tirare fuori dalle viscere tutto il mio “neosensibilismo”.

 
Di Tracca (del 23/07/2009 @ 12:35:15, in Le Trackulenze, linkato 473 volte)

Lo sapevo. Lo sapevo che prima o poi Berlusconi avrebbe capito. Era così semplice, così facile. Che bisogno c’era di inventarsi tante fandonie, di contraddirsi in pubblico, di dare adito a una campagna giornalistica come quella del gruppo Espresso-Repubblica? Bastava che lo dicesse subito. Che lo ammettesse senza giri di parole, come ha fatto ieri durante il suo discorso all’avvio dei lavori per l’autostrada Brescia-Bergamo-Milano. “Ci sono in giro un mare di belle figliuole e di imprenditori solidi, e io non sono un santo, lo avete capito tutti. Speriamo che lo capiscano anche quelli di Repubblica”.

Voilà, les jeux sont fait, rien ne va plus! A Roma si dice: “E vaje a dì quarcosa, mo’!”. A parte la meravigliosa allusione sull'imprenditore "solido", che non è stata colta quasi da nessuno, è la linea Sgarbi. Sì, proprio Sgarbi, che con il suo fine eloquio lo aveva anticipato di poche ore (sentitevi la sua intervista a “La Zanzara” di Giuseppe Cruciani, se vi va): “Siccome io credo che la gnocca sia ricostituente, se uno scopa bene, governa bene”. E ancora, Berlusconi dovrebbe dichiarare alla stampa: “Mi piace la gnocca, non rompetemi i coglioni!”.

Suggerimento accolto, e per una volta Silvio è stato più signorile del Vittorio. Conclusione? Agli italiani, alla maggior parte degli italiani, andrà benissimo così. Questa risposta sarà più che sufficiente, e D’Avanzo, con i suoi papielli di domande scomode, ci si può tranquillamente pulire il culo. Perché per gli italiani medi (“ordinary italians”, li chiama l’Economist in uno splendido articolo di questa settimana) l’unico sentimento suscitato da tutta questa storia, alla fine, è l’invidia.

Lo scrive persino Serghiei Ponomariov sulla Komsomolskaya Pravda, che noi italiani dovremmo essere orgogliosi di avere un premier di 72 anni così maschio, così attivo, così uomo.

Voglio dimettermi da italiano. Si può?

 
Di Tracca (del 06/07/2009 @ 13:00:00, in Le Trackulenze, linkato 427 volte)
Ho iniziato. Finalmente sono riuscito ad iniziare.

E non è un caso, non può essere solo una coincidenza, che questo nuovo inizio avvenga il giorno successivo all’uscita da casa mia delle sue ultime cose. “Ti si sarà svuotata casa”, m’ha detto mamma al telefono ieri sera, aggiungendo subito dopo “Beh, starai più largo”. Sì, starò più largo, avrò nuovi spazi da riempire di oggetti e pensieri, occuperò angoli che non erano miei.

Ma sono sicuro che, per quanto la scansione di ogni angolo della casa sia stata piuttosto accurata, continuerò a trovare cose sue. Le troverò negli angoli impensati, rifugiate tra i vestiti, la biancheria, i libri o i documenti di casa, come bambini mai stanchi di giocare a nascondino. E sono certo che, quando le troverò, non avrò più la reazione rabbiosa che ho avuto quando ho visto il suo orologio da parete ancora al suo posto in cucina, il giorno dopo una delle numerose puntate del trasloco. Era lì, dove era normale che fosse, dove però non volevo più che fosse. È partito anche lui ieri mattina. Ne comprerò un altro, sicuramente lo stesso modello Ikea, perché mi piace moltissimo quell’orologio. Ma non volevo più avere in casa quell’orologio. È strana la testa della gente, lo so. E la mia non fa eccezione.

E poi, a pensarci bene, continuerò a trovare cose sue perché casa è ancora piena dei regali che mi ha fatto e di cose “nostre” che non hanno preso la via d’uscita. Cose che uso tutti i giorni, che tocco e che mi parlano incessantemente della nostra storia finita. Ho provato a limitarne il numero e ad occultarle in fondo ai cassetti, ma farle sparire tutte era impossibile. Del resto non ho nessuna intenzione di eliminarle del tutto. Perché “il nostro amore non merita rancori né stupide rivalse”, e quando le ferite dell’abbandono (e delle relative conseguenze) si saranno rimarginate, quegli oggetti saranno lì a testimoniare un pezzo importante della mia esistenza, un grande amore sincero.

Sto cercando di ridare un ordine e un senso alla mia vita. Sto cercando di ricominciare, partendo da me stesso. Chi mi conosce sa quanto difficile sia la sfida. Ma varrà pur la pena di scendere in campo e giocare, o no?
 
Di Tracca (del 23/06/2009 @ 19:37:49, in Le Trackulenze, linkato 512 volte)

How happy is the blameless vestal's lot! 
The world forgetting, by the world forgot.
Eternal sunshine of the spotless mind!
Each pray'r accepted, and each wish resign'd.



Com'è felice il destino dell'incolpevole vestale!
Dimentica del mondo, dal mondo dimenticata.
Infinita letizia della mente candida!
Accettata ogni preghiera e rifiutato ogni desiderio.

 

Alexander Pope, dal poema "Eliosa to Abelard" (1717)

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13
Ci sono 223 persone collegate

< gennaio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Diario di bordo (3)
Extra Vaganze (3)
Fioresaverio (5)
Fotonotizie (1)
Il CritiCapone (19)
Intercettazioni illegali (1)
Le Sukkié (12)
Le Trackulenze (129)
Missive inevase (2)
Ultim'ora (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Price probalan order...
21/01/2019 @ 03:39:42
Di Anonimo
Low price minipress ...
21/01/2019 @ 03:26:29
Di Anonimo
Low price eldepryl p...
21/01/2019 @ 03:13:17
Di Anonimo

Titolo
Traccafoto (9)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo

Ascolti?
Elio e le Storie Tese
"Figgatta De Blanc""
------------------------------------
I Cani
"Aurora"

 





21/01/2019 @ 03:41:08
script eseguito in 1515 ms