Immagine
 Sleeping Track... di Tracca
 
"
And crawling on the planet's face, some insects called the human race, lost in time and lost in space and meaning.

Richard O' Brian, "The Rocky Horror Picture Show"
"
 
\\ WWW.TRACCA.NET : Storico : Le Trackulenze (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Tracca (del 24/02/2006 @ 09:57:08, in Le Trackulenze, linkato 755 volte)

Onestamente me lo aspettavo. Ma ciò non toglie che il dolore sia lo stesso forte e intenso.

Dopo appena una trentina di puntate mandate in onda, Zombie chiude oggi i battenti. Zombie, per chi non avesse letto la mia segnalazione di qualche tempo fa, è un programma radiofonico scritto, diretto e condotto dallo scrittore Diego Cugia, in onda su Radio 24.

Cugia, già epurato "minore" della RAI berlusconiana ("minore" nel senso che di lui non si parla mai, aveva lavorato per molto tempo a Radio Due prima di finire nel cestino degli indesiderati), aveva trovato un sorprendente spazio nella pur ottima radio della Confindustria.

Mi aveva sorpreso la libertà di azione lasciatagli dalla radio e dal suo direttore Santalmassi, e ogni giorno lo ascoltavo sempre più incredulo che un centimetro quadrato di libertà d'espressione esistesse ancora nei nostri media.

E infatti.

Arriva la campagna elettorale, Cugia tocca i fili scoperti, soprattutto quelli della P2 le cui vicende ha narrato in una bellissima puntata di pochi giorni fa e muore di nuovo, da zombie che viene abbattuto con la classica fucilata in testa.

La par condicio è una scusa, e io credo che Cugia faccia benissimo a non accettare lo squallido compromesso di sospendere "Zombie" fino al 10 aprile per poi riprenderlo ad elezioni avvenute.

Peccato, mi mancherà molto la sua voce roca e calda, mi mancherà il disagio in cui è capace di mettermi scuotendo la mia coscienza assopita.

Ciao Diego, grazie di quello che mi hai dato in queste settimane, ho i tuoi libri da leggere, adesso, e chissà che tu non riesca a trovare uno spazio davvero indipendente per continuare a parlarci.

 
Di Tracca (del 16/02/2006 @ 14:39:13, in Le Trackulenze, linkato 685 volte)

Sono passate tre settimane da quando lamentavo la sconcertante assenza della bella faccia mortadellesca di Prodi dai cartelloni pubblicitari delle nostre città.

Tre settimane.

E secondo voi è cambiato qualcosa?

L'unica cosa accaduta in queste tre settimane è stata la presentazione del Programma dell'Unione. Ci ha lavorato per un anno (proprio oggi è il primo compleanno: auguri!) un'intera Fabbrica, la Fabbrica del Programma. Minchia.

"Come funziona una Fabbrica del Programma?", mi sono chiesto tante volte. "Funzionerà come una fabbrica normale", mi sono detto. Una fabbrica, per arrivare ad un prodotto compiuto, ad esempio un'automobile, opera una grande elaborazione, composta più o meno da una fase di studio, una di progettazione, una di valutazione e infine una di implementazione.

Insomma, anche per fare un cesso come la Duna o la Stilo è necessario ridurre ad una sintesi il lavoro di progettisti, ingegneri, meccanici, operai.

Ecco la chiave: ridurre ad una sintesi.

Dopo un anno di lavoro la Fabbrica del Programma ha prodotto un volume di 281 pagine.

281 pagine. Duecentottantuno fottutissime pagine?

Ma se persino a me, che leggo in media 2 libri al mese e voto per l'Ulivo, non passa nemmeno per l'anticamera del cervello di mettermi a leggere un volume di 281 pagine per sapere cosa vorrebbe fare, ipoteticamente, il futuro governo Prodi (Bertinotti, Mastella, Pecoraro, Diliberto permettendo), cosa volete che gliene fotta a un qualsiasi ex elettore berlusconiano deluso e incazzato di un programma stile Treccani?

Ma porca puttana (mi perdonino le meretrici), ci vuole così tanto a capire che per convincere qualcuno a votare per la tua parte devi dargli tre, al massimo quattro messaggi sintetici, diretti, incisivi, intelligenti?

Se non ci riesci, il massimo che potrai ottenere è che questa massa di delusi dal Berlusca resti a casa e non vada a votare. Non mi pare una strategia molto intelligente.

Per tornare alla metafora della fabbrica, è come se dal grande laboratorio prodiano non fosse uscito un prodotto finito, ma un pallet carico di plastica, ferraglia, pistoni, gomma, vetroresina, cristallo e similpelle. Una presa per il culo, insomma.

La mia paura è che tutto ciò sia dovuto al fatto che, per giungere ad una sintesi, è necessario che esista una concordanza, seppure minima, su ciò che si vuol comunicare. Ogni distinguo allunga il brodo e a furia di allungarlo si è passati da un auspicabile manifesto ad una triste ed inutile enciclopedia che non servirà a nulla o quasi.

L'unica cosa che mi viene in mente e che vorrei dire a coloro che hanno pensato, creato ed avallato questa ennesima, inutile "grande opera" è la celeberrima frase del buon Nanni Moretti: "Cioé lei non ha mai assaggiato la Sacher Torte?". Il seguito lo conoscete.

 
Di Tracca (del 26/01/2006 @ 12:27:57, in Le Trackulenze, linkato 773 volte)

Mi guardo intorno, vedo centinaia di megamanifesti elettorali. Con prevalenza berlusconiana, of course.

Non ne ho visto UNO, finora, di Prodi. Non uno solo. Che strategia è, o mio candidato premier? Quanto aspettiamo ancora?

Non ho mai pensato che i famigerati 6x3 possano essere l'arma risolutiva di una campagna elettorale. Ma la totale assenza di quelli prodiani non è propriamente un ottimo segnale. O li si ritiene inutili, compiendo uno scellerato atto di presunzione, o si è deciso di concentrarli negli ultimi due mesi prima delle elezioni, quando sarà difficile che emergano dalla montagna di affissioni elettorali che soffocherà ogni nostro passo sulle strade di questo paese.

Lo so che il mio umore politico fa molto su e giù e che non ho un pensiero coerente, ma comincio veramente a temere il risultato del 9 aprile. Se non altro perchè, alla fine, un "leader"  a destra c'è. Mentre a sinistra, finora, c'è soltanto un leader assente. Ingiustificato.

 
Di Tracca (del 10/01/2006 @ 08:00:00, in Le Trackulenze, linkato 763 volte)

Premetto che, pur avendo preso atto delle parole di Fassino e D’Alema, non ho cambiato idea rispetto ad una settimana fa sulla vicenda Unipol-BNL.

Ma indubbiamente il Presidente del Consiglio, con le sue illuminanti dichiarazioni degli ultimi giorni, ha provveduto a ricordarmi quali sono le priorità politiche dei prossimi 3 mesi:
1) lasciare che si ridicolizzi da solo e sottolineare i suoi patetici tentativi di ribaltare la realtà;
2) vincere le elezioni;
3) mandarlo a spendere i molti anni di vita ricca e felice che ancora gli restano in una delle sue molte residenze sparse per il globo.

Tutto questo è ancora possibile, a patto che l’Unione prodiana diventi finalmente tale di fatto e non solo di nome. Questo non è affatto scontato, ma spero che il masochismo storico della sinistra (e del centro che le si accompagna) riesca ad essere frenato almeno fino al 9 aprile.

Ma, in ogni caso, Berlusconi è per me come una medicina, come un prezioso antidoto che riesce sempre a guarire i miei avvelenamenti mentali e umorali.

Grazie, Silvio, continua così.

 
Di Tracca (del 03/01/2006 @ 18:25:32, in Le Trackulenze, linkato 763 volte)

Vorrei scrivere qualcosa sulla vicenda Unipol – BNL.

Non ho le conoscenze economiche e giuridiche necessarie, ma vorrei comunque esprimere le sensazioni che da qualche settimana mi passano per la testa ogni qualvolta ne sento parlare.

Sono colmo di sgomento e, francamente, di orrore.

Perché credevo che la moralità fosse ancora il faro dei comportamenti politici della mia parte.

Perché dovrà pure esistere una differenza tra la sana gestione economica volta al profitto come motore dello sviluppo e lo sviluppo di sofisticate tecniche di magheggio finanziario volte all’arricchimento personale di manager disonesti.

Questo dovrebbe valere per qualsiasi impresa economica, e molto di più dovrebbe valere per le cooperative.

Mi annienta l’idea che i vertici dei DS possano anche solo avere pensato che l’OPA Unipol su BNL avrebbe messo a loro disposizione una banca, una grande banca, la quinta banca italiana. Ma cosa siamo diventati, una pantomima del peggiore PSI craxiano?

Sarò un antiquato retrogrado conservatore. Ma se io possiedo un patrimonio che vale 1000, come posso pensare di acquisire un’azienda che vale 4000? Dove minchia li prendo i soldi? Me li invento? Me li stampo da solo? Uso i soldi del Monopoli?

Ecco: a me sembra che i simpatici furbetti ci abbiano spacciato per veri i soldi del loro personalissimo monopoli. E che quasi tutti noi, poveri pirla, ci abbiamo creduto.

E ci abbiamo creduto anche perché dalla nostra parte c’era qualcuno che voleva entrarci, in quel gioco. Anzi, ci diceva che entrare in quel gioco era giusto.

Io ho la nausea, e comunque continuo a preferire il Trivial Pursuit. Buon Anno a tutti!

 
Di Tracca (del 27/12/2005 @ 18:25:25, in Le Trackulenze, linkato 744 volte)

Ho fatto una lista di regali per Babbo Natale
L'ho scritta e l'ho spedita al Circolo Polare.

Gli avevo chiesto una grande marcia per l'Amnistia
E sotto il diluvio eravamo solo io, papà, Pannella e la Polizia.

Gli avevo chiesto un po' di decenza nel nostro paese
E invece ho perso il conto:
- dei banchieri arrestati
- dei banchieri inquisiti
- dei banchieri interrogati
- dei furbetti intercettati
- dei governatori sfiduciati
- dei camorristi incaprettati
- dei mafiosi riciclati
- dei politici imbrillantinati che minimizzano i loro reati (cit.)
- dei treni soppressi, zozzi e scassati
- dei monitor che se so' fregati (dedicated to the Pittarols')

La lettera l'ho mandata con la posta prioritaria
ma mi sa tanto che non sarebbe bastato un telegramma.

 
Di Tracca (del 29/11/2005 @ 18:54:10, in Le Trackulenze, linkato 838 volte)
Io sono sempre stato convinto che Adriano Sofri fosse innocente. Cioè che non sia stato lui il mandante dell’omicidio del Commissario Calabresi. Una convinzione, la mia, basata sulla lettura degli atti dei processi cui Sofri si è sempre stoicamente sottoposto, accettandone le sentenze che pur non condivideva.
Adriano Sofri è l’incarnazione dell’orrore del sistema giudiziario italiano, del sistema carcerario italiano. Adriano Sofri ha dato volto a 60.000 esseri umani che vivono nelle carceri italiane in condizione di degrado e disumanità, spesso condannati per reati da “morti de fame” (i classici “ladri di polli”) o che finiscono dentro per la pura impossibilità economica di garantirsi una difesa decente.
Adriano Sofri non ha mai chiesto la grazia, perchè si è sempre dichiarato innocente. Forse per questo motivo gran parte del nostro paese assurdo ed ipocrita, in particolare il governo in carica con il Ministro di Grazia e Giustizia Catelli in testa, si ostina a negare qualsiasi procedura in questo senso, persino quella voluta dal Presidente della Repubblica Ciampi.
Adriano Sofri è in ospedale, in coma farmacologico. Ha rischiato di morire, ennesima vittima “bianca” della pena di morte di fatto vigente nelle carceri italiane.
Adesso dicono che nei giorni precedenti il suo malore aveva sottovalutato i sintomi del male che lo stava minando. Può anche darsi che sia vero, ma l’assistenza medica in carcere, in Italia, è quasi sempre un diritto negato. Basta ascoltare qualche volta la splendida rubrica di Radio Radicale “Radio Carcere” (ogni martedì alle 21.00, ve la consiglio di cuore!) per rendersene conto.
Adesso gli è stata sospesa la pena. Adesso molti parlano di grazia. Anche chi prima lo voleva vedere morto in galera. Dicono che adesso le cose sono cambiate. Lo dice persino l’ineffabile Ministro Castelli, pensate un po'... Come se solo adesso, rischiando la sua vita in galera, Adriano Sofri avesse espiato la sua pena.
Ipocriti, falsi, assurdi assassini.
 
Di Tracca (del 18/11/2005 @ 15:54:33, in Le Trackulenze, linkato 793 volte)

E così. Anche il Tracca trasloca su blog.

Tempo di cambiamenti, tempo di traslochi, tempo di fughe in avanti. Tempo di devoluzioni. Non so voi, ma ogni giorno che passa accresce in me la sensazione di essere al centro di un incubo "strutturato a matrioska" (cit.) , dal quale non è prevista uscita.

Mi sento come Uma Thurman nella meravigliosa scena della bara in Kill Bill; ma ogni volta che credo di aver distrutto la gabbia di follia che mi circonda, di avere assistito al massimo dell'assurdità possibile, invece di trovare la nuda terra da scavare per risalire al suolo mi trovo in una nuova bara appena più grande della precedente.

Mi sento in un videogioco composto di infiniti livelli successivi. E non ho nemmeno un cannoncino per sparare agli Space Invaders Lunari Venusiani Indipendenti Organizzati che mi osservano e calano sogghignanti sulla mia vita. Dice che tra poco gli staccheranno la corrente, al videogioco.

Non vorrei che tutto ciò che otterremo sia di restare al buio.

 
Di Tracca (del 23/08/2005 @ 15:00:00, in Le Trackulenze, linkato 701 volte)

Bacigalupo, Ballarin, Maroso;
Rigamonti, Castigliano, Grezar;
Menti, Loik, Gabetto;
Mazzola, Ossola.

Castellini, Santin, Salvadori;
Patriziosala, Mozzini, Caporale;
Claudiosala, Pecci, Graziani;
Zaccarelli, Pulici.

Borsano, Gerbi, De Finis;
Goveani, Calleri, Aghemo;
Vidulich, Bodi, Palazzetti;
Cimminelli, Romero.
All.: Giovannone

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13
Ci sono 64 persone collegate

< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Diario di bordo (3)
Extra Vaganze (3)
Fioresaverio (5)
Fotonotizie (1)
Il CritiCapone (19)
Intercettazioni illegali (1)
Le Sukkié (12)
Le Trackulenze (129)
Missive inevase (2)
Ultim'ora (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Cheap kemadrin price...
26/06/2019 @ 05:53:34
Di Anonimo
Cheapest generic pri...
26/06/2019 @ 05:45:47
Di Anonimo
Cheap lotrisone 1kg ...
26/06/2019 @ 05:36:26
Di Anonimo

Titolo
Traccafoto (9)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo

Ascolti?
Elio e le Storie Tese
"Figgatta De Blanc""
------------------------------------
I Cani
"Aurora"

 





26/06/2019 @ 07:07:19
script eseguito in 2039 ms