Immagine
 Sleeping Track... di Tracca
 
"
And crawling on the planet's face, some insects called the human race, lost in time and lost in space and meaning.

Richard O' Brian, "The Rocky Horror Picture Show"
"
 
\\ WWW.TRACCA.NET : Storico : Le Trackulenze (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Tracca (del 08/08/2006 @ 00:55:00, in Le Trackulenze, linkato 627 volte)

Dopo una lunga assenza, ritorna su questo blog la saga di Fioresaverio. Se volete leggere il suo lungo sproloquio in ordine cronologico, scegliete dalla colonna a destra l'autore "Fioresaverio" e quindi, nella pagina che si aprirà, cliccate sulla voce "inverti l'ordine".

Buona lettura al 100% (seriamente).

 
Di Tracca (del 01/08/2006 @ 17:17:38, in Le Trackulenze, linkato 696 volte)
A costo di attirarmi addosso le antipatie di molte persone che come me hanno il cuore politico a sinistra, voglio esprimere la mia soddisfazione per l’approvazione in via definitiva dell’indulto che riduce di 3 anni le pene detentive per una lunga serie di reati.
 
Chi ha letto qualche volta questo blog sa che, già dall’anno scorso, ero favorevole ad un provvedimento che aiutasse a diminuire il numero delle persone detenute in carcere. Per questo avevo anche manifestato, sotto la pioggia, il giorno di Natale del 2005.
 
Non ho cambiato idea, nonostante le enormi polemiche sull’inclusione dei reati finanziari tra quelli “toccati” dall’indulto. Non ho cambiato idea perché non è affatto vero che avere applicato l’indulto anche a questi reati significhi aver passato il classico “colpo di spugna” sulle malefatte e le condanne di Cesare Previti (tanto per non far nomi...).
 
L’indulto NON cancella le condanne, riduce solo le pene applicate. Cesare Previti è stato condannato con sentenza passata in giudicato per il processo IMI-SIR e questa condanna resterà, non verrà cancellata. Forse l’ex ministro della Difesa non tornerà più in carcere e avrà terminato di scontare la sua condanna tra breve, ma non vedo una differenza sostanziale tra l’essere libero e l'essere agli arresti domiciliari in un appartamentino di Piazza Farnese. Anche a me vedere Previti in galera ha provocato un certo effetto, ma obbiettivamente non era pensabile che venisse chiuso a Rebibbia a vita per i reati che ha commesso e per la condanna che ha ricevuto.
 
A me questa ondata di sdegno seguita all’approvazione dell’indulto ha fatto un po’ paura, perché ho avuto l’impressione che tante persone abbiano reagito negativamente solo per istinto, perchè ritengono che qualunque cosa venga concordata con Forza Italia sia una bestemmia a prescindere.
 
Ma l’indulto era parte integrante del programma dell’Unione e, per attuarlo, un accordo con il centrodestra (o con parte di esso) era necessario, dato che per approvarlo occorrono i 2/3 dei parlamentari. Ed era impensabile che non potesse esserci un prezzo da pagare al centrodestra per raggiungere lo scopo. Considero molto più importante l’avere escluso dall’indulto i reati di violenza sessuale e di pedo-pornografia (cosa che può apparire scontata, ma che secondo me non lo era affatto) che averlo concesso a chi ha commesso reati finanziari.
 
Fare le verginelle adesso è troppo comodo, tanto più per una persona come il ministro Di Pietro, che conosce bene la legge ed i suoi meccanismi.
 
La speranza che ho adesso è che questo provvedimento non significhi solamente un automatico aumento dei reati nell’anno successivo alla rimessa in libertà dei detenuti che beneficeranno dell’indulto e un successivo riaffollamento delle carceri. L’indulto deve essere solo il primo passo verso una reale riformulazione di tutto il sistema detentivo italiano. Capisco gli scettici, tante volte in Italia si fa – a fatica – il primo passo e poi non ci si muove più. Ma sono convinto che valga davvero la pena di correre il rischio.
 
Di Tracca (del 21/07/2006 @ 23:12:12, in Le Trackulenze, linkato 648 volte)

E così, un altro mese è passato senza miei aggiornamenti, mese durante il quale:

  1. L'Italia ha vinto i mondiali di calcio
  2. Il giorno della finale mondiale ero in Finlandia, esattamente come l'11 luglio 1982
  3. Ho fatto le mie ferie estive in Finlandia, come avrete dedotto
  4. La Juve è stata condannata alla Serie B e a -30 punti per la prossima stagione
  5. C'è un'altra guerra in corso in Medio Oriente
  6. La Virtus Roma Basket è senza coach, senza squadra, senza capo nè coda...

Una interpretazione piuttosto personale degli accadimenti degli ultimi 30 giorni. 

Qualche considerazione:

  1. Evidentemente mi ero sbagliato sul valore della Nazionale di Lippi. Devo dire che sono davvero contento del fatto che siano stati i Grosso, i Macellazzi, i Gattuso e i Cannavaro (pur con tutto l'astio che continuo a provare verso di lui) a farci vincere la coppa.
  2. Evidentemente durante i mondiali di calcio devo stare in Finlandia per avere speranze di vedere l'Italia vincere. Come ho scritto nella notte del 9 luglio: Tracca in Finlandia, l'Italia Campione, è questa la magica combinazione.
  3. Accetto collette per comprare i biglietti per la Finlandia tra altri 4 anni.
  4. Continuo a temere un ammorbidimento in appello o comunque una via d'uscita morbida per lo scandalo Calcio, ma se davvero la Juve dovesse partire in B da -30... beh non dico che questa prima metà abbondante di 2006 sarebbe perfetta, ma insomma...

Buona estate a tutti!

 
Di Tracca (del 22/06/2006 @ 18:27:41, in Le Trackulenze, linkato 713 volte)

Allora: vedere una partita mondiale dell'Italia in ufficio, con i colleghi, in sala riunioni, con un bel proiettore che spara le immagini RAI sul muro bianco.

Tutto bene, direte voi. Certo, senza considerare che è un bel banco di prova per scoprire aspetti del carattere dei colleghi che magari nella quotidiana routine lavorativa non vengono messi in evidenza. Quindi, oltre al fatto in sè, la partita vissuta coi colleghi è anche un bell'esperimento socio-culturale.

Metteteci anche la delicatezza della partita (se perde, l'Italia torna a casa)... uno s'apetta un pomeriggio teso e pieno di pathos.

Me stavo a addormentà, cazzo! Per metà abbondante del secondo tempo me se chiudeveno l’occhi! N’artro po’ me perdevo pure er go’ de quaa Pippaccia de Inzaghi – che, tra parentesi, è uno dei calciatori che maggiormente disprezzo al mondo, che se venisse a giocare al Toro mi augurerei che il Macellazzi di turno lo scomponesse come un Jeeg della Giochi Preziosi.

Ammazza Regà, se questa è la Nazionale che deve portarci lontano nei cieli della gloria, stamo freschi. Per mezz’ora stiamo chiusi in difesa e al primo tiro in porta segnamo: how tipically italian! Il resto è noia. Del resto, cosa si può volere da una partita in cui segnano Macellazzi e Pippainzaghi?

 
Di Tracca (del 15/06/2006 @ 14:37:03, in Le Trackulenze, linkato 627 volte)
Domenica scorsa, a Torino, ho assistito ad una partita di calcio che, nel suo piccolo, ha rappresentato un momento storico per tutti i tifosi granata sparsi in Italia e nel mondo: la promozione in Serie A del Toro, ad appena 9 mesi dalla scomparsa del Torino Calcio 1906 e la nascita del Torino FC guidato da Urbano Cairo.
 
Per me, tifoso del Toro da sempre, è stata un’emozione calcistica meravigliosa e devastante. Non ho mai urlato tanto in vita mia per una vittoria della squadra granata; al terzo gol, segnato da Davide Nicola nel primo tempo supplementare, le urla si sono spente in rantoli afoni che hanno spaventato la povera Alessandra che era al mio fianco e mai mi aveva visto ridotto così per una partita di calcio.
 
Nella mia vita c’è stata solo un’altra emozione calcistica paragonabile a quella di domenica scorsa: ancora un terzo gol del Toro, ma stavolta in un derby, quello del 27 marzo 1983. Al 70’ il Toro perdeva 2-0, al 74’ vinceva 3-2. Avevo 14 anni e ricordo ancora le mie grida e le corse folli tra la mia camera e la terrazza di casa, sotto gli occhi esterrefatti di mia madre...
 
Domenica sera, alla fine della partita, tutto il rituale del festeggiamento; la passeggiata sul prato del Delle Alpi, i caroselli di auto strombazzanti, il passaggio deferente alle rovine dello Stadio Filadelfia e poi i cori di giubilo (e quelli antijuventini, ça va sans dire) in Piazza San Carlo e Via Roma nel cuore di Torino.
 
Mai fatto nulla del genere in vita mia, eppure questa vittoria, questa promozione, vale per un tifoso del Toro quanto uno scudetto: ad agosto il Toro non esisteva più, oggi è in Serie A.
 
Nel cuore della notte, in Via Roma piena di gente, bandiere, sciarpe e magliette granata, Alessandra, il cui cuore è rigorosamente giallorosso, si è fermata all’improvviso, s’è girata verso di me e con un’espressione dolcissima mi ha detto: “Ma che me fai fa’...”. Io, colto di sorpresa, non ho saputo cosa rispondere. Poi s’è voltata, anche lei in maglia granata, e ha ripreso a saltellare con gioia gridando: chinonsaltabianconeroè-è...
 
Di Tracca (del 31/05/2006 @ 18:00:00, in Le Trackulenze, linkato 731 volte)

La decisione del Presidente Napolitano di concedere la grazia ad Ovidio Bompressi è il primo atto significativo del settennato che sta iniziando.

Inutile dire che la considero una decisione giusta, saggia, equa.

Chapeau a Mastella! Messer Cinghialone, senza lungaggini ulteriori, ha preso atto che, ai sensi della Costituzione, il suo compito è quello di trasmettere le richieste di grazia al Capo dello Stato senza dovere (e potere) esprimere pareri di merito. Contrariamente alla personale interpretazione di chi lo aveva preceduto nel ruolo di Ministro Guardasigilli; quel Roberto Castelli che aveva riscritto da solo le norme sul potere di grazia per essere poi sbugiardato dalla Consulta.

Un piccolo segno, ma che mi fa sperare in un recupero della dignità istituzionale e costituzionale del nostro paese dopo 5 anni di vilipendio coordinato e continuativo.

 
Di Tracca (del 17/05/2006 @ 19:03:12, in Le Trackulenze, linkato 698 volte)

Mercoledì 10 Maggio stavo lavorando in centro e, mentre seguivo una conferenza cui partecipava la Vicesindaco di Roma, l'auricolare piazzato nell'orecchio destro mi trasmetteva al cervello la diretta dell'elezione di Giorgio Napolitano alla Presidenza della Repubblica. Al termine della conferenza ho avuto io il piacere di comunicare ai presenti (tutti appartenenti all'area del centrosinistra) l'avvenuta elezione di questo grande gentiluomo come successore di un ottimo presidente come Ciampi.

In un impeto di fervore democratico e di vera gioia, invece di andare a pranzo ho preso lo scooter e sono volato fino alle vicinanze del Senato, dove ho voluto attendere l'arrivo di Bertinotti e Marini che si recavano ad annunziare a Napolitano la sua avvenuta elezione, nonchè l'uscita del neo-eletto Presidente della Repubblica dal suo ufficio. Dato che ne ho avuto l'occasione, ho voluto essere tra i primi ad applaudire Napolitano presidente.

La mia soddisfazione per l'elezione di Napolitano deriva da una profonda stima nei suoi confronti, maturata da moltissimo tempo; sin da quando, adolescente con la passione per la politica, vedevo in lui un punto di riferimento. Infatti io allora attaccavo il PCI da destra e invocavo già nel 1985 una svolta radicale ed il cambio del nome del partito, ma non mi riconoscevo affatto nel progetto di unità socialista di matrice craxiana. Napolitano e la sua idea di evoluzione del PCI verso la socialdemocrazia di stampo europeo erano ciò che più si avvicinava alla idea di politica che avevo allora. E che, tutto sommato, ho ancora oggi.

 In tempi recenti, poi, ho avuto il piacere e l'onore di marciare fianco a fianco con Napolitano la mattina del giorno di Natale del 2005, durante la manifestazione per l'amnistia indetta dai radicali. In quella mattina piovosa e fredda, sempre a fianco del mio babbo, sperai in cuor mio che fosse proprio lui, quel baldo ottantenne vispo e dal passo svelto, il successore di Ciampi al Quirinale. Per questo sono stato così felice della sua elezione, e sono convinto che sarà un ottimo presidente. Magari non scoppiettante come Ciampi, ma un sicuro baluardo di garanzia per tutti gli italiani.

Ma l'attualità supera impetuosamente la mia capacità di starle appresso. Da oggi è in carica il nuovo governo Prodi! Minchia (scusate il francesismo), è dal 1998 che aspetto questo giorno! Oggi ho solo una speranza: che stavolta Prodi possa effettivamente lavorare per una legislatura intera e dimostrare, se ne è capace, che migliorare l'Italia si può. E spero che non venga di nuovo accoltellato alle spalle dai suoi.

La squadra di governo  non mi esalta, è come sempre il frutto delle mediazioni di troppi partiti e il risultato dell'applicazione di un manuale Cencelli un po' sgangherato. Un esempio su tutti: Mastella alla Giustizia, fa ridere il solo concetto. Purtroppo è in parte un'occasione persa, l'età media è sempre troppo alta, ci sono poche donne e le scelte più lungimiranti e coraggiose (Bonino alla Difesa sarebbe stata una scelta di grande innovazione) hanno lasciato spazio a compromessi dal vago sapore democristiano che mi fanno un po' schifo. Ma questa è la politica italiana...

Sia come sia, da oggi non ci sono più alibi: tocca a noi, tocca a Prodi, tocca alla sua squadra e soprattutto alla esigua maggioranza in Senato; a tutti tocca l'onere di dimostrare che si può governare l'Italia meglio di quanto abbia fatto il centrodestra nei 5 anni passati. Dite che è fin troppo facile? Non sono d'accordo, non esiste nulla di facile in politica. Ci vorrà tanto lavoro, tanta serietà, tanta coesione. Auguri, di cuore.

 
Di Tracca (del 05/05/2006 @ 12:47:04, in Le Trackulenze, linkato 714 volte)

E' passato un mese dall'ultimo post. Un mese in cui è successo di tutto e in cui la mia vita è stata appena appena travolta da un'onda anomala di lavoro.

Ci sarebbero milioni di cose da commentare, cerco di farlo sinteticamente per le più importanti:

Esito delle elezioni: allo sconfitto - per pochissimo, ma sconfitto - direi, parafrasando una celebre battuta di un grande film: "è la democrazia, bello (oltre alla legge elettorale che tu hai voluto), e tu non ci puoi fare niente, niente!"

Elezione del Presidente del Senato: che squallore, sia il lurido ricatto in perfetto stile democristian-mafioso a base di schede-pizzini, che gli orribili attacchi a Oscar Luigi Scalfaro. Ma almeno ne siamo usciti bene, oltre che vincitori.

Sentenza della Corte Costituzionale sul potere di grazia del Presidente della Repubblica: si ribadisce finalmente un principio sacrosanto, che il potere di grazia è unicamente del Presidente e il Ministro della Giustizia DEVE controfirmare. Si sono persi anni, Adriano Sofri e Ovidio Bompressi sono entrambi malati e purtroppo l'iter della grazia, se ci sarà, lo dovrà seguire il prossimo Presidente. E passeranno ancora una volta anni...

Corsa al Quirinale: sarò masochista e troppo eterodosso, ma io non riesco proprio a fare il tifo per D'Alema Presidente. Non ci riesco. Il mio candidato, anzi, la mia candidata: Emma Bonino. Ma non accadrà mai, MAI.

Sentenza IMI-SIR: non lo vedremo in galera, dato che il culo se lo era fatto parare da una legge ignobile come la ex-Cirielli. Ma lasciatemi dire che il pensiero di Cesare Previti condannato a 6 anni con sentenza passata in giudicato è, come dire.... una di quelle cose che avrebbero meritato un posto alto nella classifica del giornale "Cuore" rubricata sotto la voce "Le 10 cose per cui vale la pena vivere". Come dite? Sono un lurido giustizialista stalinista comunista della peggiore specie? No, ma in questo caso se me lo dite non mi offendo. :)

Scandalo Juve - Arbitri: va beh, io sono il meno adatto a fare commenti, dato che sono tifoso del Toro e quindi per me Juve è sempre stato sinonimo di ***** (autocensura). Ma comunque fa impressione leggere le intercettazioni che spiattellano nero su bianco una verità sempre sospettata ma mai acclarata. Una pessima impressione.

E termino con un messaggio forse criptico, ma esaltante per chi lo capisce: Marko Pesic 7/8 da 3! E ho detto tutto!!!

 
Di Tracca (del 05/04/2006 @ 00:56:21, in Le Trackulenze, linkato 689 volte)


Ecco, l'onorevole Silvio Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri, mi ha amorevolmente suggerito lo slogan per il retro della maglietta che indosserò idealmente domenica mattina quando mi recherò al voto (la frase sul fronte della maglietta la potete leggere nel mio post precedente):

IO SONO UN COGLIONE!

Ci sono due cose che vorrei puntualizzare riguardo questo fantasmagorico (quasi) epilogo di una campagna elettorale francamente orribile. La prima è faceta, la seconda, invece, serissima.

Prima cosa: l'aver sentito la parola "coglioni" ripetuta per decine di volte su tutti i media nazionali, nei titoli di qualsiasi tele- o radiogiornale, mi ha divertito moltissimo. In un regime informativo ingessato come il nostro, in cui i media misurano sempre ogni singolo respiro che emettono affinchè il tono dello stesso non disturbi o irriti qualsiasi eccellenza fosse all'ascolto, ho avuto l'impressione che i giornalisti godessero a potere finalmente pronunciare un termine volgare come "coglioni". Se lo ha detto il Capo Supremo, del resto, possiamo tutti dirlo con libertà e senza dovere arrossire. E per un momento ho immaginato una Berlinguer o una Busi che, liberate dal linguistico freno inibitore, si lasciassero andare a commenti del tipo (aggiungete voi i nomi) "quel cacasotto merdoso di ....." o "il commento dell'onorevole ...... è stato tranchant: il mio collega ...... è una immane testa di cazzo!". Non mi sembra che sia accaduto, peccato.

La cosa serissima è un'altra: Berlusconi oggi non solo ha dato dei coglioni a noi elettori di centro-sinistra, ma lo ha fatto aggiungendo un'altra cosa. Ci ha detto che siamo coglioni perche votiamo contro il nostro interesse (le parole testuali erano appena appena diverse, ma il senso è quello).
Bene, è evidente che io e Silvio Berlusconi abbiamo idee molto diverse sui motivi che spingono a votare per un partito o una coalizione. Quando io scelgo per chi votare cerco innanzitutto di scegliere la parte politica che possa fare non solo i MIEI interessi, ma anche e soprattutto gli interessi di una parte più ampia della popolazione. Scelgo chi possa conciliare nel modo più razionale possibile istanze di progresso civile ed economico insieme ad istanze di giustizia sociale. Perchè io credo ancora (e chiamatemi pure comunista illuso, se credete, anche se io non sono nè l'uno nè l'altro) che il bene collettivo sia parte integrante del mio bene personale.

Io la penso ancora come mio padre, che per tutta la vita ha fatto il COMMERCIANTE, il BOTTEGAIO, cioè il lavoro simbolo dell'elettore di centrodestra (democristiano allora, berlusconiano oggi), ma è sempre stato un militante di sinistra, del PCI prima, dei DS oggi. Mio padre era iscritto ad un partito i cui militanti di base spesso chiamavano "ladri" quelli che facevano il suo lavoro. Ma mio padre era iscritto e militava nel PCI perchè in quel partito (forse con fin troppa fiducia) vedeva una forza impegnata per il miglioramento della condizione sociale di come lui partiva dalla povertà del sud del dopoguerra.

Mio padre mi ha insegnato questa semplice cosa: essere capace di vedere oltre il mio piccolo tornaconto personale e cercare di operare per il progresso complessivo della società.

Forse sono davvero un coglione, destinato per tutta la vita a prenderlo in culo perchè oggi anche dalla mia parte è poca la gente che la pensa come me. Ma meglio coglione che berlusconiano, così come meglio frocio che fascista.

Vi interessa sapere come voterò domenica? Al Senato voto DS, alla Camera penso che voterò Ulivo soprattutto per sostenere due politici di cui ho stima come Walter Tocci e Giovanna Melandri, anche se non vi nascondo che fino all'ultimo momento avrò la tentazione di votare Rosa Nel Pugno. Ci sono troppe candidature che non mi piacciono nella lista dell'Ulivo, Rutelli e Binetti su tutte.

Mettiamola così: il mio sarà con tutta probabilità un voto di appartenenza. Ma se posso dare un suggerimento a chiunque tra voi non abbia legami forti di appartenenza a una forza politica, a quelli che non voterebbero comunque DS o Ulivo, ebbene io vi invito a votare per la Rosa nel Pugno, perchè sono loro, a mio modesto parere, la forza che può contribuire più di ogni altra ad un vero rinnovamento della sinistra italiana.

Ci sentiamo dopo le elezioni! Domenica e lunedì votate tutti, votate bene, non rassegnatevi!

 
Di Tracca (del 30/03/2006 @ 00:00:01, in Le Trackulenze, linkato 759 volte)

...MEGLIO FROCIO

CHE FASCISTA!

Ché chi mi conosce sa che sono normalmente, semplicemente, banalmente eterosessuale... Ma come mi sentirei meglio se in tanti andassimo in giro il giorno delle elezioni con una maglietta rosa con una scritta enorme come quella che ho messo qui sopra!

Alla faccia di quella omofoba della ducetta e della sua bella compagnia...

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13
Ci sono 331 persone collegate

< marzo 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Diario di bordo (3)
Extra Vaganze (3)
Fioresaverio (5)
Fotonotizie (1)
Il CritiCapone (19)
Intercettazioni illegali (1)
Le Sukkié (12)
Le Trackulenze (129)
Missive inevase (2)
Ultim'ora (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Cost ventolin drug m...
18/03/2019 @ 23:57:50
Di Anonimo
Exelon fast delivery...
18/03/2019 @ 23:48:58
Di Anonimo
money jars
18/03/2019 @ 23:45:23
Di Joey

Titolo
Traccafoto (9)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo

Ascolti?
Elio e le Storie Tese
"Figgatta De Blanc""
------------------------------------
I Cani
"Aurora"

 





19/03/2019 @ 00:04:49
script eseguito in 1605 ms