Immagine
 Sleeping Track... di Tracca
 
"
And crawling on the planet's face, some insects called the human race, lost in time and lost in space and meaning.

Richard O' Brian, "The Rocky Horror Picture Show"
"
 
\\ WWW.TRACCA.NET : Storico : Il CritiCapone (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Tracca (del 19/01/2006 @ 19:48:12, in Il CritiCapone, linkato 720 volte)

Vorrei segnalare due trasmissioni radiofoniche che porto nel cuore, oltre che nelle ‘recchie.

In verità la prima delle due è un Podcast (una trasmissione radio che si scarica da internet e si sente col proprio Ipod o altro lettore mp3), mentre la seconda è una trasmissione radio vera e propria.

Il Podcast che vi stra-consiglio, in barba ad ogni conflitto di interessi, è l’ottimo “E buttace pure l’insaponata”, giunto al terzo anno di vita e condotto brillantemente dalle due supreme deejesse Sherockate Sabbia e Leesa. Basta andare sul sito di Radio Dapatas , scaricare i files nel formato preferito, aggiungere la musica che preferite tra un segmento e l’altro... et voilà! Il vostro programma radio fai-da-te per passare un’oretta abbondante di allegro cazzeggio scientifico! Ogni settimana una nuova divertentissima puntata!

La trasmissione radio che vi invito ad ascoltare in religioso e venerando silenzio, invece, va in onda da appena un paio di settimane su Radio 24, l’eccellente radio de “Il Sole 24 Ore”. Si chiama “Zombie” e l’appuntamento con il creatore-direttore-conduttore Diego Cugia è tutti i giorni dal lunedì al venerdì, alle 14 e in replica alle 22. Ammetto la mia ignoranza, non sapevo chi fosse Diego Cugia fino alla settimana scorsa. Mi ha letteralmente folgorato con una trasmissione veramente libera, dura, sanguigna, incazzata e poetica, con una scelta musicale (sigle e brani trasmessi) sorprendente. Trovo fantastico che “Zombie” vada in onda sulla radio della Confindustria (della CON-FIN-DU-STRIA!), radio che tra l’altro con il ritorno di Giancarlo Santalmassi alla direzione ha fatto un ulteriore salto di qualità. Ascoltatela, ne vale davvero la pena. Volete diventare Zombie anche voi come me (io sono Zombie409)? Andate su: www.diegocugia.com .

 
Di Tracca (del 10/02/2006 @ 11:37:44, in Il CritiCapone, linkato 711 volte)

Con l'avanzare dell'età capita sempre più raramente di entusiasmarsi al primo ascolto per un qualsiasi ensemble musicale.

Per esempio: era dai tempi del mio innamoramento folle per i primi Quintorigo che non mi capitava di esaltarmi per una band come mi è capitato lo scorso anno per i System of a Down di Mezmerize / Hypnotize. Praticamente nel 2005 non ho ascoltato altri cd.

Da qualche giorno, grazie al sempre validissimo programma radio Dispenser (Radio 2, da lunedì a venerdì dalle 20.30 alle 21.00), mi sono sentito scaraventato indietro agli anni dell'adolescenza, quando la mia ossessione musicale preferita erano i CCCP - Fedeli alla Linea. Ho ascoltato un pezzo fantastico, intitolato "Robespierre", di un trio di Reggio nell'Emilia denominato OFFLAGA DISCO PAX. Sono impazzito, non riesco a togliermi dalla testa la scarna melodia tra disco e punk e l'incedere del magnifico testo salmodiato da Max Collini, mio (quasi) coetaneo.

Un clone dei CCCP? Non proprio, anche se le affinità sono molte: l'essere in 3 (come i primi CCCP); l'essere di Reggio Emilia; l'essere smaccatamente, vetustamente, magnificamente emiliancomunisti; l'avere dato al loro album d'esordio un titolo come SOCIALISMO TASCABILE (Prove Tecniche di Trasmissione).

Se non lo avete mai visto, andate a vedere il video di Robespierre (potete anche scaricarlo se avete un collegamento veloce) su http://www.postodellefragole.com/odp/mail_robespierre.html 

Poi ne riparliamo.

Giovedì 18 Febbraio gli Offlaga suonano allo Zoobar di Roma. Io ci vado, voglio capire se mi sono illuso o se davvero il mio orologio biologico è tornato al 1986, quando iniziai a urlare a squarciagola "Spara Jurij Spara", cosa che, nonostante il diradarsi delle singole performance, non ho ancora smesso di fare. 

 
Di Tracca (del 09/03/2006 @ 19:25:38, in Il CritiCapone, linkato 1318 volte)
Oggi sono in vena di segnalazioni letterarie.
 
Ve ne faccio due, per libri molto diversi tra loro, ma entrambi meritevoli di attenzione.
 
Il primo è un volume breve, meno di 140 pagine, ed è stato scritto - benissimo - da due giovani quasi cinquantenni, Maurizio “Vongola” Fabretti e Piero “Pedro” Galletti, che raccontano sotto forma di diario i loro anni Settanta.
Ma, nel vero spirito di quel tempo grandioso e terribile, i loro anni Settanta sono gli anni Settanta del loro gruppo di amici, di Roma, dell’Italia intera, di un bel pezzo di Europa e di mondo. Il privato è pubblico e il pubblico è privato, si diceva allora. Ciò che accadeva intorno a noi (e intorno a noi significava da Primavalle al Cile, dal Cineclub Tevere di Prati a Lisbona) era parte integrante di noi.
Mi ci metto anche io perchè, sebbene fossi molto piccolo negli anni Settanta, molte immagini narrate mirabilmente da Fabretti e Galletti hanno fatto parte della mia infanzia: il giorno che ammazzarono Giorgiana Masi, , per esempio, o il giorno che rapirono Aldo Moro...
Il titolo del volume è splendido, così come la realizzazione grafica: consigliato a tutti quelli che vogliono sentire l’odore degli anni ’70; parafrasando il cantante, direi odore di mare, politica, pallone, cinema, merda, morte e vita. Soprattutto vita.
 
Maurizio Fabretti, Piero Galletti
Memori – Editori di libri (Collana Diario Minimo)
€ 16,00 (in libreria)
 
 
Il secondo volume che vi segnalo raccoglie le prime 100 strips a fumetti realizzate dal bravissimo Enrico Trentin sul suo personaggio – alter ego Nestore, intitolato “Battibecchi fra un Fumetto e il suo Disegnatore”.
Le strips, che vengono quotidianamente pubblicate sul blog di Nestore (è appena partita la quinta serie della saga!), sono state ora raccolte in un volume molto bello, arricchito da una spumeggiante prefazione scritta da Rocco Tanica (pianolista degli Elio e le Storie Tese, valente autore televisivo e molto altro ancora ).
Il mondo di Nestore vive in una dimensione sospesa tra la nostra realtà e il regno della fantasia, dove i confini sono labili e il paradosso è sempre in agguato, così come la sublime ironia di tutti i personaggi della serie.
Per acquistare il libro, cliccate qui, seguite le istruzioni e buon divertimento!
 
Enrico Trentin presenta
NESTORE  Battibecchi fra un Fumetto e il suo Disegnatore
€ 12,00 (su ordinazione)
 
 
Di Tracca (del 31/10/2006 @ 14:00:00, in Il CritiCapone, linkato 3533 volte)

Ho trovato questo articolo sulla versione telematica del quotidiano di Amsterdam "Het Parool" di oggi. L'ho tradotto rozzamente, ma spero efficacemente, perché trovo come sempre mirabile il modo razionale e scientifico con cui in Olanda si discute del tema prostituzione.

Fino al 2000 la prostituzione in Olanda era illegale, ma tollerata. Dopo la legalizzazione ufficiale, guarda guarda, i problemi - anzichè diminuire - sono aumentati. Un'ode della zona d'ombra tra lecito ed illecito? Una condanna dell'eccessiva volontà regolatrice? Fate voi, a me la questione sembra di estremo interesse, soprattutto la parte che riguarda i mutati atteggiamenti nei confronti del sesso, mercenario e non.

MALESSERE NELL'INDUSTRIA DEL SESSO

Het Parool, Amsterdam, 31/10/2006

La cancellazione del divieto di istituire bordelli, avvenuta nel 2000, non ha portato alcun beneficio alle prostitute che operano in Olanda. Lo afferma l’associazione di rappresentanza e difesa della categoria De Rode Draad (Il Laccio Rosso).
 
Sebbene attraverso la legalizzazione il legislatore volesse migliorare la posizione delle prostitute, il grande quantitativo di regole introdotte hanno prodotto il risultato opposto, afferma Metje Blaak, portavoce dell’associazione, che ha condotto un’inchiesta tra le lavoratrici del settore, su richiesta del Ministero degli Affari Sociali.
 
E il rapporto che ne è scaturito non lascia dubbi: il settore sesso vive una situazione di malessere. La clientela è diminuita. Il numero di aziende è diminuito da 800 a meno di 500. Il numero di “vetrine” attive è sceso da 2100 a 1650. Dei 1100 bordelli muniti di permesso attivi 5 anni fa, ne sono rimasti oggi 750. Sempre più lavoratrici del sesso decidono di lavorare “in nero”.
 
De Rode Draad evidenzia nel rapporto come questo non sia dovuto ad un diminuito interesse nel sesso in termini assoluti, ma ad un “cambiamento dei tempi”. La vita notturna “regolare” è sempre più libertina e c’è una maggiore libertà sessuale nella propria camera da letto, afferma Blaak. Dal rapporto emerge che anche le pratiche sado-maso sono uscite fuori dai bordelli per approdare in molte camere da letto e in feste osè organizzate in casa.
 
Secondo Blaak anche le richieste dei clienti delle prostitute sono diventate più estreme, soprattutto a causa dell’influsso di quanto vedono su internet. E siccome il numero complessivo dei clienti diminuisce, diventa più difficile respingere i loro desideri, con la conseguenza che le prostitute hanno sempre meno voce in capitolo sulla gestione del loro lavoro.
 
Inoltre, secondo De Rode Draad, le prostitute che lavorano autonomamente devono potere scegliere di rimanere anonime. Secondo le norme vigenti una prostituta che vuole lavorare per conto proprio deve essere registrata con nome e cognome. De Rode Draad trova questo inaccettabile, “perché ancora adesso non si tratta di un lavoro qualsiasi. La società olandese è ancora ben lontana dall’accettare pienamente questo mestiere.”
 
Di Tracca (del 07/02/2007 @ 13:30:00, in Il CritiCapone, linkato 699 volte)

In questi giorni si fa un gran parlare della cosiddetta "crisi" del sistema calcio, a seguito dei violenti ed assurdi scontri di Catania della settimana scorsa. Dello stesso tema (seppur visto da una angolazione diversa) si è parlato per mesi lo scorso anno, se non ricordo male, senza che si arrivasse a nessun reale cambiamento nelle regole, nelle strutture, nella cultura del "movimento calcio" italiano.

Per quel poco che vale, la mia opinione in merito coincide quasi perfettamente con quella di Giuseppe D'Avanzo, espressa in un commento (cliccare qui per leggerlo) pubblicato oggi.

Eppure, nonostante tutto, io continuo ad essere tra quelli a cui piace vedere giocare una partita di calcio, continuo a ritenermi tifoso della mia squadra e non so se riuscirò mai a disintossicarmi da questo vizio. Ma quel che dice D'Avanzo, che il sistema è totalmente trasparente nel mostrare la sua opacità, almeno mi consente di vivere il pallone più o meno con la serietà che mi inducono i vari un-reality show: una totale finzione mascherata da vita reale. L'importante è saperlo. E non crederci troppo.

 
Di Tracca (del 07/02/2008 @ 12:30:00, in Il CritiCapone, linkato 765 volte)

Radio Deejay ha diffuso questa mattina il nuovo singolo degli Elio e le Storie Tese, “Parco Sempione”, e il relativo video. La canzone è bellissima e il video è un CA-PO-LA-VO-RO. Buon ascolto, buona visione. Bravi agli Elii, bravi davvero.

 
Di Tracca (del 19/02/2008 @ 20:20:20, in Il CritiCapone, linkato 660 volte)
 
Di Tracca (del 19/06/2008 @ 14:43:12, in Il CritiCapone, linkato 2256 volte)
 
Di Tracca (del 20/12/2009 @ 15:49:55, in Il CritiCapone, linkato 1373 volte)

Il disco dell’anno del Tracca è “Conservare in luogo fresco e asciutto” di Angelica Lubian.


È uscito nel 2008, e questa è già una contraddizione… ma avendolo scoperto da poche settimane (once again, thanks to Dassioposq!) e avendolo ascoltato a ciclo continuo e senza tregua, ricavandone sempre una sincera emozione, posso affermare senza remore che il disco che ha più di ogni altro segnato il mio 2009 è “Conservare in luogo fresco e asciutto” della giovane musicista, compositrice, cantante friulana Angelica Lubian.

CILFEA è un album interamente autoprodotto, come molte delle cose qualitativamente più interessanti che cercano di farsi strada in un mercato musicale italiano sempre più asfittico e privo di coraggio. Angelica Lubian ha distillato in 54 minuti tredici alambicchi di purissima acquavite, a cui ha saputo conferire toni e sapori molto diversi tra loro. Eclettica, è stato il primo aggettivo che ho pensato dopo aver sentito per la prima volta le sue canzoni sul suo myspace (ci arrivate da www.angelicalubian.com). Energica, è stato il secondo. Dolce, è stato il terzo. Caustica, è stato il quarto. Bravissima, è stato il quinto.

Dopo aver ricevuto il suo cd (costa 15 euro, lo potete ordinare direttamente a lei e ve lo spedirà a casa in men che non si dica!) mi sono poi reso conto che gli ascolti necessari a carpirne tutte le sfaccettature sono molti. E già questo, in un album di musica leggera italiana odierno, è un risultato non indifferente. Cambia registro con grande facilità, la Lubian, passa con disinvoltura naturale e non esibita dal rock energico alla ballata dagli accenti beatlesiani, dalla canzone jazzata all’onesto pop orecchiabile ma mai banale, curando in maniera maniacale arrangiamenti e testi. E anche all’interno di uno stesso pezzo riesce spesso a sorprendere con variazioni sul tema e finali a sorpresa che suscitano sorrisi ammirati.

Sì, direte voi, ma a chi somiglia? Se proprio non possiamo fare a meno di lanciarci nel gioco poco costruttivo dei paragoni, diciamo pure che la Cantantessa sicula è una delle prime che viene in mente, anche se a me restano vivi in mente alcuni dei migliori accenti della Toffoli sua conterranea e anche la classe e la sensibilità della migliore Donà. Ma se siete a caccia di cloni, cambiate pure canale: a 25 anni Angelica Lubian ha uno stile suo, immediatamente riconoscibile. E scusate se è poco.

Procedendo con gli ascolti ho cambiato molte volte la rosa dei miei pezzi preferiti del disco, che si è allargata a dismisura. Quasi tutte le canzoni, come già dicevo, meritano reiterati ascolti per essere pienamente apprezzate, data la presenza di dettagli che emergono poco a poco. Le mie preferite? “Mercenaria”, per l’energia e l’incitamento che sprigiona; “Incredibilmente disarmante”, perché mi emoziona e mi commuove ogni volta; “Meteropatica”, perché mi trascina e mi diverte; “Sconosciuto”, perché è una valanga emozionale che cresce ad ogni nota; “Lo spazzolino”, perché è vetriolo e soda caustica; “Mon cher, addio”, perché è un piccolo capolavoro; “Profumo di paglia”, perché ha un finale a sorpresa che a me ha ricordato tanto (nello spirito più che nella forma) “La zappa… il tridente ecc.” di Rino Gaetano. E faccio comunque un torto alle altre canzoni, non citandole.

Angelica suona all’Auditorium Parco della Musica di Roma il prossimo 22 gennaio, in apertura della manifestazione Generazione X: chi non viene è un discografico sanremese!
 
Di Tracca (del 08/02/2010 @ 18:17:24, in Il CritiCapone, linkato 626 volte)

...ecco a voi il nuovo carinissimo video "home made" della signorina Lubian.

 

 
Pagine: 1 2
Ci sono 76 persone collegate

< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Diario di bordo (3)
Extra Vaganze (3)
Fioresaverio (5)
Fotonotizie (1)
Il CritiCapone (19)
Intercettazioni illegali (1)
Le Sukkié (12)
Le Trackulenze (129)
Missive inevase (2)
Ultim'ora (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Cheap kemadrin price...
26/06/2019 @ 05:53:34
Di Anonimo
Cheapest generic pri...
26/06/2019 @ 05:45:47
Di Anonimo
Cheap lotrisone 1kg ...
26/06/2019 @ 05:36:26
Di Anonimo

Titolo
Traccafoto (9)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo

Ascolti?
Elio e le Storie Tese
"Figgatta De Blanc""
------------------------------------
I Cani
"Aurora"

 





26/06/2019 @ 07:08:19
script eseguito in 1827 ms