Immagine
 Sleeping Track... di Tracca
 
"
And crawling on the planet's face, some insects called the human race, lost in time and lost in space and meaning.

Richard O' Brian, "The Rocky Horror Picture Show"
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Tracca (del 04/09/2008 @ 09:00:00, in Le Trackulenze, linkato 455 volte)

Quod non fecit Ratzinger, Formigoni fecerunt.


(sì, lo so che "fecerunt" è plurale, ma anche Formigoni, in quanto rappresentante della Regione Lombardia, lo è... sarete così magnanimi da concedermi una licenza grammaticale? ).

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Tracca (del 02/09/2008 @ 18:00:00, in Le Trackulenze, linkato 481 volte)

Anno di matrimoni, questo 2008. Si è sposato mio fratello (a giugno, nella Città del Vaticano), si sono sposati due cari amici (ad agosto, ad Oristano), tra poco si sposa uno dei miei migliori amici di sempre (a fine settembre, a Roma). Anno di figli, inoltre, in arrivo o già arrivati, e non sempre da parte di chi è convolato a nozze... ;)

Ma c’è dell’altro: proprio oggi, con la mia amica BB, inizia il gran tour del passaggio agli –anta, che nel giro di pochi mesi vedrà un clamoroso aumento del consumo di ansiolitici da parte di molte delle persone a me più vicine. Tutti splendidi quarantenni, eh, ci mancherebbe... ma con un’ansia di fondo che serpeggia più o meno consapevole tra le righe dei nostri giorni.

Non sto cercando un filo comune tra tutte queste belle notizie (sì, nonostante l’ansia è bello anche avvicinarsi al traguardo dei 40, ve lo garantisco). Sono tutte cose che mi rallegrano, davvero.

Il problema è che mi sembra vagamente eroico il volere affrontare tutto ciò nell’Italia di oggi, paese che mi deprime sempre più. Soprattutto quando si ha occasione di vedere che una vita diversa, un’organizzazione diversa, uno stile diverso, una dinamica tranquillità nella costruzione della società sono possibili. I 6 giorni passati a Berlino nello scorso mese sono stati da questo punto di vista bellissimi e allo stesso tempo disperanti: perché vent’anni fa Berlino era ancora la città del muro, povera ma affascinante nella sua decadenza, mentre oggi è un esempio di vivibilità, efficienza, entusiasmo, vitalità. Qui da noi il muro, in questi 20 anni, ce lo siamo costruiti in testa, limitando il nostro cammino ad un corridoio senza orizzonte, in cui c’è spazio per noi e, occasionalmente, per pochi altri.

Mio padre ripete spesso, in questi giorni, l’acronimo SMM: stamo messi male. Il problema vero è che non vedo come potemo mettesse almeno un po’ mejo.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Tracca (del 12/08/2008 @ 11:07:41, in Le Trackulenze, linkato 511 volte)
Ho mille pensieri che mi frullano per la testa in questi giorni di Agosto, ma pochissima voglia di mettermi a tavolino e lasciare che i gas fermentino nel cervello ed escano liberatori.

Per esempio, non capisco questa mania dei media di parlare sempre con "rammarico" delle medaglie d'argento vinte dagli atleti italiani alle Olimpiadi di Pechino. Medaglie d'argento, eh, mica di cacca! Specchio della bassissima cultura sportiva (che vuol dire poi, in fondo, cultura civica) di questa disgraziata nazione.

Non capisco nemmeno perché, non appena il calendario segna il primo agosto, la parola d'ordine della politica, della società, di tutto il paese sia "rimandare a settembre". Vogliamo passare vacanze senza pensieri? Bene. Intanto scoppia una guerra nel Caucaso, Alitalia continua a marciare verso il baratro (lo showdown è solo rimandato a settembre, statene pur certi), Eluana Englaro continua a vegetare nel suo letto... Ma l'importante è non pensarci, l'importante è prendere tempo, prendere fiato, rimandare...

Beh, allora buone vacanze anche a me, buone vacanze a tutti voi che le fate, buon agosto a tutti voi che non le fate, per necessità o per scelta.

Ci si sente a settembre, quando la bolla d'incoscienza collettiva mostrerà qualche crepa e, bene o male, anche l'Italia tornerà nella dimensione della vita vera.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Casa Editrice Le Sukkié (del 30/07/2008 @ 12:55:55, in Le Sukkié, linkato 686 volte)

Gentili lettori, gentili lettrici, ho l’onore di presentarvi la nuova e agguerritissima rubrica della piccola ma agguerrita casa editrice Lesukkiè intitolata “Il triangolo della scienza”.

Quest’oggi a “Il triangolo della scienza” abbiamo, nel primo angolo, il nostro giornalista nonché filologo Rosario Lesukkiè, detto Sasukkié, nel secondo angolo il professor Josep Sans Orgoll dell’università di Barcellona  e nel terzo nessuno perché essendo l’angolo ottuso non abbiamo trovato nessuno che ci si voglia sedere (nella sua accezione verbale).

Oggi l’argomento da noi trattato è l’evoluzione della società nella specie umana.

Rosario Le Sukkié: Professor Sans Orgoll, ci dica quali sono le fasi storiche e preistoriche dell’evoluzione dell’uomo e della sua società?

Prof. Sans Orgoll: beh vi dirò un tempo l’uomo era di Cro-Magnon….da non confondere con Carl-Magnon che venne dopo! Poi ci fu l’evoluzione e si arrivò all’uomo moderno il quale per circa 10.000 anni fu o soldato o contadino o governante (re, imperatore, aristocrate, oligarca, sacerdote, prete, etc.) poi tra il 1640 e il 1789, con le rivoluzioni inglesi, francesi e americane (quante minchia erano?!?) l’uomo diventa cittadino: il re, il prete, il cardinale, il militare, il contadino, la meretrice o cortigiana, il giudice o magistrato di cloaca, il birraio, il vinaio, il cianfrusagliaio, lo zoccolaio e la zoccolaia, tutti sono ora cittadini, soggetti alla legge dello Stato che è superiore ad ogni diritto acquisito e che impone anche doveri. Chi non è cittadino perde la testa, chi è cittadino la riacquista, chi ha perso un piede per la repubblica ottiene una medaglia d’oro chi ha perso un’unghia per il re perde la gamba sinistra etc. etc. etc.  Poi  dall’idea del cittadino ne derivano altre due: una è l’essere umano e cioè un cittadino un po’ chierico e un po’ moscio ma che gode di diritti e di doveri e che inoltre ha diritto a restare vivo anche se il re o il presidente lo vogliono mandare al macello…e accanto a questo cresce il compagno, l’uomo vero, lo Stachanov universale, quello dell’io so fare questo tu quello ed egli niente ma siamo fratelli lavoriamo per la gioia e il benessere comune, le risorse sono di tutti e guai a chi se le fotte... Magari non sempre era così, ma a molti sembrava così... e poi... finalmente... ecco l’era del consumatore, il sogno di azionisti e corporation, l’uomo che non consuma per vivere ma vive per consumare, l’uomo che torna a casa in tutta fretta perché c’è un biscione che lo aspetta, il maiale che grufola nei supermercati, la mite pecora che a Natale, dimenticando gli impegni civili, lavorativi, familiari, culturali, sessuali finanche, si lancia e si abbandona all’acquisto dell’oggetto inutile e ingombrante... spesso destinato a finire per sempre nel cassetto delle mutande, sotto il divano dove è caduto la notte del 24, nel sacco dell’immondizia o nel cesso nel caso di doni duttili e di piccole dimensioni!!! Lasciarci ingrassare dal sistema per fare i cotechini di capodanno???? Oppure vogliamo vivere, giocare, leggere, ascoltare musica, fare l’amore, passeggiare, ridere e parlare con gli amici al bar. Come esseri umani!!! Vogliamo essere produttori-consumatori o zii fra gli zii, figli fra i figli, nonni fra i nonni, mamme fra le mamme, sorelle fra le sorelle, uomini fra gli uomini, e donne fra le donne, al limite anche donne fra gli uomini e uomini fra le donne, gli amanti fra gli amanti??? A ciascuno secondo i suoi bisogni e i bisogni di ciascuno a tutti!!!! Viva il poeta-presidente Ho Chi Min. Viva Carlo Max. Viva Fidel Castro. Viva Antonio Gramsci. Viva Filippo Turati. Viva Antonio Sturati. Viva Anna Otturati. Viva Ramona Parra. Viva Salvador Allende. Viva Hugo Chavez. Viva Che Guevara. Viva Ci Fu Guevara. Viva Ci Sarà Guevara. Viva Palmiro Togliatti (me cago en el revisionismo veltroniano). Viva le Monde Diplomatique. Viva La Befana che porta il carbone. Viva il presepe con i pastorelli. Viva il subbuteo. Viva la TVin bianco e nero. Viva la botte piena e la moglie ubriaca. Viva il WWF. Viva la legge giusta e la giustizia legittima. Viva l’umiltà di San Francesco. Viva Violeta Parra. Viva Nicanor Parra. Viva Angel Parra. Viva Voctor Jarra (si scrive con una R ma con due fa rima con parra) …e chi più ne ha più ne metta !!! 

Rosario Le Sukkié: Grazie professor Sans Orgoll, è giunto il momento di interrompere la trasmissione. 

Prof. Sans Orgoll: Viva il poeta-presidente Ho Chi Min. Viva Carlo Max. Viva Fidel Castro. Viva Antonio Gram….bzz bzzb bzbzbz 

E' una rubrica Le Sukkié 

www.iltriangloscientifico-lesukkié.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Tracca (del 23/07/2008 @ 17:17:17, in Le Trackulenze, linkato 480 volte)

Già altre volte ho avuto modo di esprimere qualche idea piuttosto cattiva riguardo la situazione incresciosa e scandalosa di Alitalia.

Io penso che mandare a ramengo la trattativa con Air France KLM sia stato il più crudele atto di miope sado-masochismo operato da un ensemble improbabile formato da chi oggi governa il paese (e che all’epoca della rottura era ancora all'opposizione) e dai mille sindacati grandi e piccoli che hanno in gran parte deciso, nei decenni, l’amaro destino di Alitalia.

Solo un’accolita di stolidi adoratori del Marchese De Sade poteva dire no ad un’offerta in cui si manteneva viva una compagnia in putrefazione da almeno 15 anni, si garantiva un’uscita morbida (2 anni di stipendio pagato al 100%!) ad un paio di migliaia di lavoratori in eccesso, si inseriva stabilmente Alitalia nel principale gruppo di trasporto aereo europeo.

Ma non si poteva. Eh, no, c'era da difendere il mantenimento dei livelli occupazionali... C'era da difendere l’italianità della compagnia... Sarebbe arrivata la salvifica cordata italiana... E allora affanculo i franco-olandesi e viva l'Italia, l'Italia della cordata! Che a me puzzava tanto di corda(ta) insaponata...

Ora, va bene che La Repubblica è il principale partito di opposizione di questo paese, ma se le notizie riportate oggi qui sono vere, si prospetta per Alitalia la fine che da molti anni era prevedibile.

Il fallimento.

Poi arriverà il resto. La liquidazione del liquidabile (ma gli MD80 non troveranno un acquirente nemmeno su E-bay, vsito quello che consumano). La cosidetta rinascita. Gli aeromobili in leasing. Quattromila (4.000!!!) esuberi e altrettanti lavoratori da esternalizzare. Contratti di lavoro in linea con gli standard degli altri vettori europei. Insomma, una compagnia che abbia una qualche chance di esistere anche tra qualche anno, senza aiuti di stato più o meno mascherati da prestiti ponte.

Queste cose le potevo decidere io da solo, non c'era bisogno né della cordata insaponata, né dei super-advisor.

I sindacati si accorgeranno presto che hanno fatto una cazzata enorme a rifiutare l’offerta Air France KLM e a credere alle bolle di sapone colorate soffiate in giro durante la campagna elettorale.

E se ne accorgeranno quei poveracci che hanno comprato biglietti Alitalia per le vacanze di agosto o, al limite, per i viaggi di settembre. Cari amici, posso darvi un consiglio? Cancellate le prenotazioni, se potete. Se questo è davvero il piano per il “rilancio” di Alitalia, tra qualche giorno o qualche settimana al massimo qui scoppierà il caos, ma quello vero.

Fino al giorno in cui i voli non si alzeranno più. Non per gli scioperi selvaggi di piloti e assistenti di volo che sentiranno il terreno franare sotto i loro eleganti trolley, ma perché la festa sarà finita. Questa volta per davvero.

Se fossi Spinetta, perdonate la volgarità, mi starei preparando ad un mega raspone a due mano. E invece sono solo infinitamente triste e scoraggiato. Ma fiero della salvaguardata italianità del nostro miserevole fallimento.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Tracca (del 10/07/2008 @ 15:00:00, in Le Trackulenze, linkato 524 volte)
Ho sempre ammirato e rispettato moltissimo Beppino Englaro per il modo forte, civile e umano con cui ha combattuto, in tutti questi anni, la battaglia per la dignità di sua figlia Eluana. Oggi, in una intervista a Radio 24, ha detto – col suo tono pacato ma fermissimo di sempre – una cosa che nella sua semplicità è rivoluzionaria.

L’ottimo giornalista Alessandro Milan gli ha chiesto cosa pensasse dei commenti del Vaticano e di monsignor Fisichella sulla decisione del tribunale di lasciar finalmente libera Eluana di terminare la sua esistenza vegetativa, decisione che la Chiesa Cattolica giudica alla stregua dell’eutanasia.

La risposta di Beppino Englaro è stata: “Quello che dice il Vaticano vale per il Vaticano, quello che diceva mia figlia vale per mia figlia”.

Semplice, lineare, logico, corretto, libero, laico. Tutto ciò che questo nostro povero paese è sempre meno.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Casa Editrice Le Sukkié (del 08/07/2008 @ 10:19:26, in Le Sukkié, linkato 599 volte)
Cento e uno golden boys berlusconiani sono stati spietatamente decapitati e gettati così mutilati in una discarica nei pressi della città di Khadekapa in Bagladesh. Sembra che gli sfortunati siano stati attaccati da una folla inferocita mentre stavano provando ad insegnare ad un gruppo di bambini resi recentemente orfani e senzatetto da un ciclone, la canzone “torna casa in tutta fretta c’è un biscione che ti aspetta”. La discarica dove è avvenuta l’efferata strage è stata già soprannominata dagli abitanti del posto “la discarica dei 101”.

Il premier Silvio Berlusconi cerca un accordo con l’opposizione e la magistratura per superare la fase di stallo sull'emendamento "blocca processi”. Secondo il premier, se da un lato è necessario mantenere la sospensione dei processi per i reati commessi entro il 30 giugno 2002, dall’altro si potrebbero riaprire tutti i processi conclusisi nell’anno 1902. La proposta è stata accolta con diffidenza da opposizione e magistratura perché rischia di paralizzare il sistema giudiziario riaprendo processi come quello per i massacri di Bava Beccaris e Nino Bixio, per il regicidio commesso dall’anarchico Gaetano Bresci e perfino il processo ai 13 pugnalatori di Giulio Cesare.

Leggero screzio ieri fra il presidente francese Sarkozy e la moglie Carla Bruni circa la necessità o meno di mettere l’origano nella bouillabaisse marsigliese. Ne ha risentito l’euro che ha perduto 4 centesimi nei confronti delle principali valute straniere.

Promulgata la nuova enciclica papale De abstentionis totalis. Il papa Benedetto XVI, in questa enciclica, oltre a ribadire la condanna di ogni rapporto sessuale al di fuori del matrimonio cattolico, invita per la prima volta le coppie di fedeli regolarmente coniugate ad astersi dai rapporti sessuali se non si è già prenotata la chiesa per battezzare la potenziale creatura, unico scopo, afferma l’enciclica, di ogni unione carnale.

È morto ieri, alla veneranda età, il pastore protestante Alfio Pataria, residente a Zafferana Etnea. Nel 1995 aveva condotto le sue 1200 pecore sotto gli uffici della Commissione Europea a Bruxelles per protestare contro le nuove norme della CE sugli standard igienici dei caseifici.

Consulta le news Lesukkie sul sito www.brekinnews-lesukkiè.it
Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Tracca (del 01/07/2008 @ 18:31:32, in Le Trackulenze, linkato 569 volte)

L’inflazione galoppa. E se al pane e alla pasta posso rinunciare, mi è più difficile farlo per il gasolio, il vero principe dei prezzi al consumo in questi ultimi anni. Ogni pieno è un bagno di sangue. E non ditemi di comprare una macchina a GPL o metano, perché al momento non posso permettermi un’auto nuova. E poi sono sicuro che tra 3 o 4 anni anche il gas supererà il costo di un euro al chilo, vogliamo scommettere?

Eppure ci sono altri oggetti il cui prezzo è inspiegabilmente, assurdamente alto. Oggi mi concentrerò sulla categoria: accessori per la stanza da bagno o, per dirla con linguaggio più vicino al popolo, cose pe’ er cesso.

Sarà che noi romani siamo fuorviati dal fatto di chiamare “cesso” la stanza da bagno. Cesso è un termine intriso di negatività, di sudicia bassezza. Nonostante ciò siamo abituati a dire: “Vado ar cesso”, pure se stiamo dentro casa nostra e non solo nell’atrio della Stazione Tiburtina o sulla gradinata dello Stadio Olimpico.

Sarà quindi dovuto a una prospettiva esistenziale sbagliata, ma anche se cambio prospettiva e penso al bagno di casa mia come ad una linda e pinta “salle de bain” da albergo 5 stelle lusso (come poi in realtà è), 35 euro per uno scopino della tazza der cesso mi sembrano una pura follia.

35 euro? 70 sacchi?* Guardate che non sono stato a cercare uno scopino in qualche boutique di sanitari per gente ricca, ma da LERUÀ MERLEN, er discount der faidatè. Andateci, se non ci credete: trovare uno scopino per la tazza del cesso che non sia fatto di plastica misera e triste come una fogna di Calcutta a meno di 35 euro è impossibile! Alla fine mi sono adattato e ne ho comprato uno di plastica misera e triste, perché a certi ricatti da status symbol di merda non voglio sottostare. Ma la sensazione che qualcosa non vada per il verso giusto mi è rimasta.

Vogliamo parlare anche di quanto costano (perdonate l’insistenza) le tavolette del cesso? Parliamone...

*sacco: arcaica unità di misura monetaria romana, pari a Lire 1.000.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Tracca (del 28/06/2008 @ 15:23:37, in Le Trackulenze, linkato 603 volte)
Con un po’ di sana spocchia sinistrorsa, io mi spaccio per uno che guarda poca televisione.

La verità è che ci sono alcuni programmi, in particolare alcune serie, che mi ingarellano parecchio (per usare una terminologia scientifica, eh?). Amo i Simpsons e South Park, mi intriga il Dr. House e adoro la serie originale della Famiglia Addams, per non citare l'immenso Monty Python’s Flying Circus.

Dallo scorso anno mi sono innamorato di Boris, la "fuoriserie italiana" in onda su Fox, visibile solo su piattaforma Sky. La trovo una delle cose più divertenti, originali e profonde (?!?) scritte per la tv italiana da parecchi anni a questa parte. Per chi non la conoscesse affatto, narra le vicende che accadono sul set di una fiction di genere sentimental-ospedaliero, chiamata “Gli occhi del cuore”. Un esperimento di fiction nella fiction, nella scia della migliore tradizione teatral-cinematografica...

Bene, ho sempre pensato che le figure quasi caricaturali di registi, attori, attrici, tecnici e stagisti che ruotano intorno alla serie “Gli occhi del cuore” fossero volutamente e forzatamente esagerate. Mi sembrava impossibile pensare che la realtà della tv italiana, per quanto squallida, potesse raggiungere tali vette di abominio.

E invece no. Magari la tv italiana fosse “pulita” come quella che racconta Boris. Lì al massimo si fa riferimento a qualche senatore, marito o padre dell’attricetta di turno da piazzare nella fiction. Nella realtà italiana, come apprendiamo in questi giorni, il principale piazzista di gnocca in tv è l’attuale Presidente del Consiglio, che evidentemente, dopo aver deciso i destini suoi e del paese, trova anche il tempo di tessere queste relazioni fondamentali per il futuro della nazione (o forse i termini della questione andrebbero invertiti...).

Vivere in Italia è sempre una sorpresa, la realtà è sempre assai più stupefacente della fantasia. Buona visione a tutti.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Tracca (del 26/06/2008 @ 18:11:21, in Le Trackulenze, linkato 632 volte)
Non ho mai amato particolarmente Roberto Donadoni, pur rispettandolo moltissimo come calciatore e come tecnico (al Livorno, alla prima esperienza da allenatore in serie A, aveva fatto cose fantastiche). Obiettivamente, prima e durante questo Europeo ha fatto qualche scelta sbagliata. Ma fa parte del suo lavoro e, alla fine, Donadoni ha portato la Nazionale agli Europei ed è uscito ai quarti di finale ai rigori. Nulla di esaltante, ma nemmeno una tragedia sportiva stile Corea 1966.

Roberto Donadoni non meritava di essere scaricato come una cassetta di kiwi marci nell’angolo buio dei mercati generali dell’italico pallone. Non meritava di vivere l’esperienza di un torneo così importante con il fantasma del viareggino (che sarà pure il CT campione del mondo, ma per me resta la quintessenza della peggiore juventinità) costantemente sopra la testa.

Roberto Donadoni è una persona perbene e corretta, ed è stato trattato come accade assai sovente alle persone perbene e corrette in Italia: finchè servono gli si sorride davanti e gli si sparla alle spalle, quando non servono più gli si infila una bella trave d’acciaio nel culo e li si manda a cagare. Provateci voi a cagare una trave d’acciaio.

Non ho mai amato particolarmente Roberto Donadoni, ma da oggi gli voglio bene.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18
Ci sono 118 persone collegate

< marzo 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Diario di bordo (3)
Extra Vaganze (3)
Fioresaverio (5)
Fotonotizie (1)
Il CritiCapone (19)
Intercettazioni illegali (1)
Le Sukkié (12)
Le Trackulenze (129)
Missive inevase (2)
Ultim'ora (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
online dictionary
25/03/2019 @ 04:26:19
Di Jannie
www.linkingunitneeds...
25/03/2019 @ 03:26:38
Di Charlie
retail environment
25/03/2019 @ 03:15:55
Di Elmo

Titolo
Traccafoto (9)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo

Ascolti?
Elio e le Storie Tese
"Figgatta De Blanc""
------------------------------------
I Cani
"Aurora"

 





25/03/2019 @ 05:30:42
script eseguito in 2012 ms