Immagine
 Sleeping Track... di Tracca
 
"
And crawling on the planet's face, some insects called the human race, lost in time and lost in space and meaning.

Richard O' Brian, "The Rocky Horror Picture Show"
"
 
\\ WWW.TRACCA.NET
Benvenuti nel deposito gassoso ove languono e fermentano i pensierini del Tracca e degli altri prestigiosi collaboratori di questo blog.


BENVENUTI!
 

FLATULENZE CEREBRALI:
Pensierini in ordine sparso e casuale emessi dal gassoso cervello del Tracca
 
Di Tracca (del 23/10/2016 @ 00:03:38, in Il CritiCapone, linkato 133 volte)
Ho appena finito di vedere “The Rocky Horror Picture Show – Let's do the time warp again” (che da qui in avanti chiamerò per praticità solo “Let's do the time warp again”) e non posso non scrivere le mie impressioni a caldissimo. Chi non lo ha ancora visto e non vuole essere influenzato dal mio giudizio è invitato a non andare oltre nella lettura. Per chi resta... “enter at your own risk”!!!

Come avevo immaginato mesi fa, quando seppi che Tim Curry aveva accettato il ruolo del narratore per questo tv-remake del film più importante ed amato della mia vita, il sentirlo pronunciare, nel suo meraviglioso inglese incrinato dalle conseguenze dell'ictus che lo ha colpito nel 2013, la frase finale del film (che non a caso è da sempre accanto alla mia foto nella testata di questo ormai quasi silente blog...) mi ha fatto esplodere in un pianto liberatorio di pura, totale, commozione. Come mi è accaduto, del resto, alla fine di quasi ogni rappresentazione teatrale del Rocky Horror a cui ho assistito in vita mia – e ci sono numerosi testimoni che possono testimoniarlo. Ma stavolta l'emozione è stata enorme, perché con la sua presenza Tim Curry ha chiuso il cerchio di una storia che dura da 40 anni e allo stesso tempo lo ha riaperto per rilanciarlo nel futuro della storia dello showbiz, del costume, della cultura mondiali. È come se avesse afferrato un frisbee (o un boomerang, fate voi) che ha fatto il giro del pianeta migliaia e migliaia di volte e, dopo averlo tenuto in mano per un solo secondo, lo avesse fatto ripartire, stavolta forse davvero in direzione di Transexual, Transilvania.

“Let's do the time warp again” ha certamente alcuni limiti, che cercherò di elencare qui di seguito, ma il mio giudizio dopo la prima visione è certamente positivo, per alcuni aspetti molto e persino estremamente positivo. I limiti dello show sono tutti legati al fatto di essere un prodotto nato per la televisione, concepito per essere interrotto molte volte da spot pubblicitari durante la sua messa in onda su Fox. Il montaggio ne ha risentito in maniera consistente, con il risultato che, guardandolo senza pubblicità, alcuni stacchi e passaggi di scena risultano decisamente fastidiosi. Alcuni sono fatti davvero male, obiettivamente: non siamo al livello de “Gli occhi del cuore”, ma insomma... :). Le mie perplessità si fermano però qui.

Avendo visto il film originale per intero più di 60 volte e almeno 15/20 versioni teatrali differenti nel corso degli ultimi 30 anni, mi sono fatto questa opinione: “Let's do the time warp again” non va visto come un impossibile remake del film diretto da Jim Sharman nel 1975, ma come un grande omaggio al mondo che Richard O' Brien ha creato con la sua immaginazione qualche anno prima. Per moltissimi aspetti, pur seguendo molto fedelmente la trama e lo svolgimento del film originale, “Let's do the time warp again” è quasi una versione televisiva dello spettacolo teatrale originale The Rocky Horror Show (tanto per dirne una, il film è aperto da una Usherette che canta – benissimo - “Science fiction / Double Feature”, proprio come nella versione teatrale dello show), con molte soluzioni sceniche che sarebbero fantastiche per il teatro ed altre, come la presenza dei musicisti in scena, che rasentano il metateatro, portando fuori dalle quinte ciò che normalmente resta sempre dietro alle stesse.

Le ambientazioni sono quasi tutte azzeccate (l'unica a non essermi piaciuta è la sala di Time Warp / Sweet Transvestite), così come, a mio avviso, le reinterpretazioni musicali delle meravigliose canzoni originali, che sarebbe stato sciocco scimmiottare: valeva la pena di provare a cambiare e, anche se forse si sarebbe potuto osare un po' di più, nella media è stato fatto un buon lavoro in termini di arrangiamento ed esecuzione. Il tutto poteva essere registrato e mixato molto meglio, ma so di essere particolarmente esigente a riguardo.

Anche gli attori scelti per un compito così gravoso hanno fatto quasi tutti egregiamente il proprio dovere. Ho trovato adatti e convincenti Victoria Justice (Janet) e Ryan McCartan (Brad), brava nella sua ostentata sguaiatezza Annaleigh Ashford (Columbia), un po' troppo patinato Adam Lambert (Eddie), un po' sottotono Christina Milian (Magenta), mentre ho trovato davvero ottimi Reeve Carney (Riff-Raff), Staz Nair (Rocky), Ben Vereen (Dr. Scott).

Due righe su Laverne Cox: a parte l'inarrivabile Tim Curry del film originale, ho visto parecchi attori cimentarsi nella parte di Frank-N-Furter, diversissimi tra loro sia fisicamente che come cantanti. E Laverne Cox è stata semplicemente perfetta, perché già nella sua persona racchiude la sintesi ideale di ciò che Frank-N-Furter rappresenta nell'immaginario collettivo di chi ama il RHPS: una irresistibile, ingenua, sconfinata, sensuale, fragile e violenta voglia di libertà. Bravissima nella recitazione, a suo agio anche nelle parti cantate (eccetto forse, purtroppo, nel gran finale di “I'm going home”), ha interpretato il ruolo al meglio, sempre secondo il mio modestissimo parere.

Il vero (semplicissimo) colpo di genio dell'intero lavoro è però la presenza di alcune scene di audience participation: per me, che quelle cose le ho fatte tante e tante volte in sale di proiezione o in teatro, è stato un po' il riconoscimento del valore collettivo dell'opera RHS/RHPS, nata dalla mente di O' Brien ma divenuta patrimonio intimo di chiunque si sia imbattuto in essa e di essa si sia innamorata. E per tutti noi questo film-tv è un ulteriore tassello di una storia d'amore che non può finire.


The Rocky Horror Picture Show – Let's do the time warp again
Regia di Kenny Ortega
2016 - Fox Television
 
Di Tracca (del 16/02/2016 @ 18:07:28, in Il CritiCapone, linkato 485 volte)

“Quando hanno ancora voglia di fare i coglioni, sono sempre insuperabili”. Molte volte, in questi anni, io e molti altri fans degli Elio e le Storie Tese (EelST) ci siamo ripetuti questo mantra. Scottati e un po’ delusi dalle recenti prove discografiche e da concerti in cui traspariva spesso la loro presenza sul palco come se fosse un lavoro frustrante da portare a termine per puro senso del dovere, riacquistavamo dedizione ed entusiasmo quando si lanciavano in avventure diverse, specie quando traspariva la loro voglia di lavorare come ensemble. Pur con i suoi limiti, l’avventura televisiva del Musichione è stata emblematica in questo senso.

Quando Andrea “Pelle” Pellegrini, mio amico e fan sfegatato degli EelST (nonché fonico eccelso cresciuto alla scuola del leggendario Rodolfo “Foffo” Bianchi) mi ha comunicato, qualche mese fa, che stava lavorando in studio a una parte del nuovo album del complessino, sotto la guida di Foffo, le aspettative sono subito salite alle stelle, anche perché la prima cosa che il Pelle mi disse con entusiasmo incredibile fu: “stanno lavorando tutti insieme, suonano ore ed ore tutti insieme e stiamo registrando tutto”.

Ecco, quello che era mancato agli ultimi dischi in studio degli EelST era proprio questa dimensione di lavoro collettivo, di suonare insieme creando musica bella e divertendosi. Negli ultimi album era molto evidente che le singole parti erano state suonate in tempi diversi e poi assemblate tra loro, con una inevitabile caduta della qualità complessiva del suono dei dischi, indipendentemente da quanto duro lavoro e buona volontà potesse metterci chi i dischi li confezionava. E questa china, in qualche modo, deve essere stata percepita nettamente dagli Elii, che non a caso hanno chiamato come produttore esecutivo del nuovo lavoro quel Claudio Dentes (Otar Bolivecic) che aveva “inventato” il sound degli EelST, producendo i loro lavori dall’esordio del 1989 e per tutto il decennio successivo.

Il cambiamento di metodo ha determinato una svolta nettissima nella qualità del prodotto finale: Figgatta De Blanc (FDB) è un disco superbo, complessivamente (a mio modesto giudizio) il migliore album degli EelST degli ultimi 10-15 anni. Dico “complessivamente” perché alcuni dei limiti emersi nella costruzione delle loro canzoni negli ultimi tempi, primo tra tutti la minore cura riservata alla parte testuale e lirica, non sono del tutto superati in FDB, sebbene il salto in avanti rispetto al disco precedente sia enorme. Si sente, anche in questo caso, come il lavoro collettivo abbia influenzato la nascita dei pezzi e ne abbia determinato un livello qualitativo impressionante. Faccio un esempio: “Parla come mangi”, al momento una delle mie preferite per il suo tiro rock trascinante, non ha un testo strepitoso, anzi. Ma il fatto che ognuno degli Elii ne canti una strofa e aggiunga il suo pezzo al puzzle la rende una canzone che entrerà sicuramente nel cuore dei fan.

C’è un altro aspetto che mi preme sottolineare: il fatto che di questo disco, al momento della sua uscita, fosse nota solo una canzone (“Primo giorno di scuola”, oltre alle due sanremesi eseguite solo un paio di volte al festival), ha reso il suo primo ascolto molto più trepidante rispetto alle ultime volte, quando all’uscita di un album buona parte dei pezzi pubblicati era già stata suonata dal vivo o pubblicata come singolo tra un album e l’altro. Sarà una cosa da fan di musica del secolo scorso, ma io ho ascoltato FDB con orecchio vorace e voglioso di novità. Immagino che anche questa sia una scelta metodologica voluta da chi ha prodotto il disco, e non posso che essergliene grato.

Dal punto di vista della composizione musicale, gli Elio e le Storie Tese non sono secondi a nessuno nell’ambito della musica pop italiana, e questo non devono più dimostrarlo a chicchessia. Quello che rende davvero strepitosa la qualità musicale di FDB è che anche composizioni musicali di notevole complessità siano state pensate, “scritte”, eseguite e registrate con incredibile naturalezza. In FDB c’è una freschezza complessiva del prodotto discografico che non può lasciare indifferenti. Anzi, stupisce al primo ascolto e fa innamorare agli ascolti successivi. In questi giorni ci siamo detti, tra fans: è un disco che appena finisce ti viene voglia di rimetterlo su da capo e riascoltarlo per intero. Anche i pezzi che – inevitabilmente – piacciono meno di altri.

Si parte con l’intro Figgatta De Blanc, a.k.a. “Otar’s back”. Un rimando emblematico all’esordio degli EelST. Non un’autocitazione, ma un manifesto programmatico. Otar, come Vessicchio, ci dice: “Pronti, partenza, via!”

“Vacanza alternativa” parte in sesta marcia: erano anni che non ridevo così dopo solo una parola di una canzone degli EelST. Il pezzo ha un groove trascinante, aspetto che si ripropone più volte nel corso del disco. Elio canta da dio del falsetto e il pezzo è talmente forte che persino la ricetta del risotto ai porcini cantata da una meravigliosa Paola Folli diventa una perla. Diventerà un classico live degli EelST.

“She wants” sarebbe stata la canzone ideale per rappresentare l’Italia all’Eurovision Song Contest (parola di Otar Bolivecic), altro che quella lagnetta cantata dalla Francesca Michielin. Un grandissimo Sergio Antibiotice realizza il sogno da sempre frustrato di Rocco Tanica: fare una canzone sulla sua dolce ossessione del posterior. Una ballata di sapore wonderiano di grandissima classe.

“Parla come mangi”, come già detto, è un rockettone potente e trascinante. Altra canzone che dal vivo farà saltare schiere di fans vecchi e nuovi del complessino. La lunga sequela di termini inglesi sciorinati a fine pezzo da un Mangoni in gran forma è talmente divertente che non si riesce a “skippare” nemmeno al ventesimo ascolto. Prisencolinensinainciusol!

“Il mistero dei bulli” è uno dei punti più alti del disco. Brano scritto oltre 20 anni fa e noto ai fans come una oscura leggenda dal nome in codice “Il ragazzo della via Gluteo” o semplicemente “Gluteo”, vede finalmente la luce arricchito da un testo ricco di sottigliezze, metatesti e giochi di parole nella migliore tradizione EelST di scuola confortiana.

“China disco bar” apre il capitolo del disco dedicato alla Milano di oggi, cosmopolita (a prevalenza sino-lumbard) e caotica come ogni metropoli europea moderna che si rispetti. Il pezzo soffre un po’ il posizionamento dopo l’inizio strepitoso dell’album, ma ne esce tutto sommato bene. Ballabile con gusto.

Su “Il quinto ripensamento” avevo sinceri dubbi. Dopo averla vista e sentita eseguita dal vivo a Sanremo, me ne sono innamorato follemente. Il testo è molto più sottile, pungente e profondo di quanto non appaia in superficie. È una sorta di “Rapporti psicologici nei rapporti tra maturi uomini e mature donne”, in cui la dirompente carica dei vent’anni lascia il posto al gusto dolce-amaro della midlife, accompagnato da uno dei grandi brani pop della musica classica nella sua meravigliosa versione disco anni 70. Straordinaria l’introduzione al pezzo fatta dai Lillo e Greg (grandissimi) di Radio Coatta Classica.

“Bomba intelligente”, come ho già avuto modo di scrivere, vale da solo l’acquisto di 10 copie del cd di FDB. Un pezzo meraviglioso scritto da Francesco “Big” di Giacomo (lo storico cantante del Banco, per chi non lo sapesse) con l’amico Paolo Sentinelli, di cui ha inciso solo la voce su un nastro che è rimasto lì quando Big ha deciso di andare a fare compagnia a Feiez da qualche parte nell’universo. Il fatto che sia finita su questo disco degli EelST grazie all’amico Duccio Pasqua è una cosa che mi riempie il cuore di gioia. Se seguite la storia cantata da “Big” in religioso silenzio e riuscite a non commuovervi durante gli assoli finali del Civas e Mauro Pagani, beh, avete un cuore di pietra.

“Inquisizione” ha il difficilissimo compito di fare riprendere fiato dopo le emozioni di “Bomba Intelligente”, e invece trascina con un’altra botta di groove potentissimo e un testo tra i migliori del disco, non solo per il sottile ma chiarissimo omaggio a uno dei migliori e più famosi sketch dei miei amatissimi Monty Python, ma per il modo in cui affronta il tema dell’oscurantismo religioso. Illuminista e illuminante.

“Ritmo sbilenco” rientra nella categoria della “musica difficile”, così ingiustamente vituperata e di cui gli EelST hanno fornito molte prove sensazionali nella loro carriera. Un prova collettiva di grandissima qualità, puntellata da una superba Paola Folli e arricchita dalla rivelazione al mondo della scoperta della musica “regressive”. A chi mi dice a cosa è riferito lo “A-ha, A-ha” tipico di questa musica, gli offro una birra buona.

“Il rock della tangenziale” è un’occasione persa: il tema della vita alienante passata in coda in macchina avrebbe meritato un pezzo di maggiore spessore. Sarà che non amo J-Ax.

“Cameroon” è la vera canzone “difficile” di questo album. Nel senso che è talmente bella e talmente perfetta nella sua musicale africanità che non sembra essere suonata da musicisti europei. Testo non memorabile, per quanto divertente, ma un ritmo che schiaccia come il piedone di un elefante ;). Non so se sia un pregio o un difetto, a me sembra più un pezzo del Trio Bobo che non degli EelST.

“I delfini nuotano”, a un primo ascolto, potrebbe sembrare una cazzata buttata lì per riempire il disco. E invece è una delle cose più divertenti e intelligenti realizzate dagli EelST nella loro intera carriera. Se qualcuno mi spiega il senso dell’inciso del pinolo, tuttavia, mi fa un gran piacere. Allucinante, ma profondo come il mare.

“Il primo giorno di scuola” è stato – forse ingiustamente – uno dei pezzi che io ho maggiormente criticato dell’intera produzione EelST. Il brano è musicalmente molto bello, l’argomento trattato potenzialmente bellissimo, ma il modo in cui è trattato me lo rende, ancora oggi, francamente insopportabile. Ed è un peccato, un peccato davvero. Ma in un disco così bello fa la sua dignitosa presenza anche questa canzone.

“Vincere l’odio” non ha avuto la fortuna che meritava al Festival di Sanremo. Forse il fatto di essere tornati al festival “appena” 3 anni dopo gli strepitosi show offerti con la Canzone Mononota (e con Un amore piccolissimo insieme a Rocco Siffredi) ha reso le loro performance di quest’anno “scontate” e ripetitive agli occhi del grande pubblico. Ma il pezzo resta a mio modo di vedere fantastico, una fenomenale parodia dei medley di successi di cantanti agé che si vedono in continuazione in tv, con gli applausi che scattano quando il pubblico riconosce la vecchia hit dopo le prime note. Troppa sottigliezza, forse, per la platea televisiva sanremese. Una sfida persa solo in apparenza: forse non resterà nell’immaginario collettivo come “La terra dei cachi”, ma “Vincere l’odio” resta un piccolo gioiello. Chapeau.

Elio e le Storie Tese
Figgatta De Blanc
Hukapan 2016

 
Di Tracca (del 28/05/2014 @ 12:05:26, in Le Trackulenze, linkato 630 volte)
Piazze piene, urne vuote... quante volte la sinistra italiana si è scontrata con questa realtà ormai proverbiale? Decine di volte? Centinaia? Il problema è sempre stato lo stesso: credere che una piazza piena sia indice di una volontà generale. Ma, per quanto grandi possano essere le piazze e per quanto piene possano essere, la gente che non va in piazza sarà sempre molta, ma molta di più. I dirigenti della sinistra italiana, questa cosa, non l'hanno mai capita fino in fondo. E Grillo è cascato nello stesso errore.

La capacità maggiore di Renzi, dal punto di vista elettorale, è stata proprio questa: sapere convincere a votare per lui (e, ma solo di conseguenza, per il PD) tanta gente che non è mai andata in piazza, tanta gente che non aveva mai votato (almeno non in una elezione prettamente locale) un partito di centrosinistra. Ha spostato ulteriormente il PD verso il centro, diventando lui stesso il centro (e infatti ha fagocitato Scelta Civica et similia e ha lasciato al NCD le briciole).

In questo senso, e solo in questo senso, condivido l'opinione di chi pensa che il PD renziano si stia configurando come qualcosa di simile alla DC. Renzi è riuscito a creare un partito omnicomprensivo, in cui convivono anime (e, soprattutto, elettorati) molto diversi tra loro. Nella vecchia DC erano due elementi a fare da collante per tenere unita una realtà incredibilmente eterogenea: la dichiarata fede cristiana (nonché quella fieramente anticomunista) e una capacità enorme di gestire il potere a qualsiasi livello, dal più piccolo comune o circoscrizione di città al governo nazionale. Nel caso del PD Renziano, finora, a fare da collante è la sola figura "giovane-nuova-energica-dinamica" del leader.

Diciamola così: Renzi è l'erede dello stile berlusconiano in un partito che può diventare molto più simile alla DC di quanto non sia mai stata Forza Italia.

La questione centrale, a mio modestissimo parere, resta immutata: cosa farà Renzi in concreto per questo paese? Quali politiche adotterà? Adesso, forte di un consenso impensabile fino a 3 giorni fa - ma con un parlamento che non rispecchia esattamente quanto uscito dalle urne delle Europee - deve portare a termine quello che ha impostato e promesso. E se ci riesce, pur non avendolo mai appoggiato, ne sarei contento. Perché l'Italia deve muoversi, anche in una direzione che non è quella che desidererei. Deve muoversi.

P.S.: l'unica vera soddisfazione che ho ricevuto da questo voto è stata l'elezione a parlamentare europea di Elly Schlein nella circoscrizione Nord-Est. Una giovane donna in gamba, entusiasta, seria, coerente, che sono certo non farà rimpiangere per la preferenza che le hanno dato le 53.681 persone che #hannosaputoscrivereSCHLEIN.
 
Di Tracca (del 25/12/2013 @ 23:56:31, in Il CritiCapone, linkato 684 volte)
Da quando ho iniziato una vita sociale autonoma (dalla quarta elementare, diciamo…) ci sono sempre stati dischi che in un modo o in un altro hanno cambiato la mia vita, o ne hanno accompagnato i mutamenti a tal punto dall’esserne diventati l’inseparabile colonna sonora. "The age of plastic" dei Buggles; "The man machine" dei Kraftwerk (sì, a 11 anni impazzivo per i Kraftwerk!); “Tango” e ancora più “Aristocratica” dei Matia Bazar; “Pyromania” dei Def Leppard; “Master of Puppets” dei Metallica; “Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu”; la discografia intera, riedita, di Rino Gaetano; “Grigio” dei Quintorigo; “Socialismo Tascabile” degli OfflagaDiscoPax; “Conservare in luogo fresco e asciutto” di Angelica Lubian. Ognuno di questi, per tanti motivi diversi, ha un posto fondamentale nella mia vita. E ce ne sono decine di altri, ma questi sono i primi che mi sono venuti in mente.

Ora, non so se “Glamour” de I Cani sarà davvero il prossimo di questa lista, ma è certamente un ottimo candidato. È un disco che ho scoperto per caso, per via del fatto che lo ha prodotto (magnificamente, lasciatemelo dire con orgoglio di fan) Enrico Fontanelli degli Offlaga. Ascoltato una prima volta per curiosità, una seconda per interesse, una terza per stupore, una quarta per incredulità, una quinta per compiacimento, una sesta per apprezzamento, una settima per iniziarne a carpirne i testi, una ottava per iniziarne ad impararne i testi, una nona, una decima e via dicendo… fino ad arrivare a sentirlo per intero una o due volte al giorno da oltre un mese a questa parte. Il bello è che, fino allo splendido concerto di qualche giorno fa al Circolo degli Artisti, non avevo mai ascoltato il loro primo disco (“Il sorprendente album d’esordio de I Cani”, del 2011), perdendo quindi una serie di riferimenti, atmosfere, citazioni che collegano in modo strettissimo i due lavori di Niccolò Contessa e dei suoi compagni di viaggio.

Ciononostante, ho trovato “Glamour” un disco meraviglioso, ascolto dopo ascolto. Bello da un punto di vista musicale, perso tra rock elettronico con assonanze punk e cantautorato intergenerazionale. Bello da un punto di vista narrativo, dove poche parole dipingono sempre immagini precise e taglienti come fogli di carta. Bello da un punto di vista emotivo, perché, sebbene Contessa abbia ben 17 anni meno di me, è capace di trasmettermi sensazioni che sento parte del mio vissuto, nonostante esso sia comunque lontanissimo dal suo.

I circa 16 minuti che vanno dalla traccia 2 alla traccia 5 sono i migliori che io abbia ascoltato in un disco prodotto in Italia da molti anni a questa parte. I 4 pezzi in questione sono 4 capolavori: “Come Vera Nabokov” è un'ode all’amore e al bisogno dell’altro; “Corso Trieste” è un inno transgenerazionale che ha la forza di fare tornare in chiunque la ascolti la nostalgia del tempo in cui si era un quindicenne “davvero duro con problemi seri” (voglio vedere se dopo averla ascoltata un paio di volte non griderete anche voi “l’unica vera nostalgia che ho” con gli occhi umidi e la voce roca); “Non c’è niente di twee” ti trascina a ballare nel corridoio di casa e coglie in castagna soprattutto noi, generazione di quarantenni che nei social network è andata quasi senza eccezione a cercare le tracce dell’adolescenza perduta e rimpianta; “Storia di un impiegato”, titolo quasi sacro nella storia della canzone italiana d’autore, onorato in maniera eccezionale in un pezzo che se lo sentirete dal vivo non potrà non trascinarvi a pogare con ragazzi che potrebbero essere i vostri figli. Ma anche la seconda parte del disco è sorprendentemente bella: il disco non cala mai di tensione e tiene inchiodati fino alla divertentissima ghost track “2033”.

Contessa ha un altro pregio lirico davvero notevole: quello della capacità di “mantrizzare” un verso, ossia saper scegliere la frase chiave del testo di un pezzo e trovare il modo di ripeterlo ostinatamente fino a farlo diventare qualcosa a metà tra l’inno e la preghiera. Oltre che nella già citata “Corso Trieste”, questo è evidentissimo nel finale di “FBYC”. Non riuscirete più a toglierveli dalla testa, garantito.

Per me, “Glamour” è di gran lunga il disco dell’anno. È vero, non ascolto più tanta musica come un tempo, i nomi della maggior parte degli artisti indie italiani e stranieri mi sono del tutto sconosciuti e forse sono anche diventato vecchio, un po’ emotivo e piuttosto rincoglionito. Ma vi giuro che dopo averlo ascoltato in streaming (basta cliccare play sulla prima finestra che vi appare qui sotto e potete sentirlo per intero!), appena avrete occasione lo comprerete. Perché questo è uno di quei dischi che vale ancora la pena di possedere su un supporto fisico.

I Cani
Glamour
42 Records
www.facebook.com/icaniband
www.42records.it/icani





 
Di Tracca (del 14/11/2013 @ 11:49:55, in Il CritiCapone, linkato 600 volte)

Come spesso mi succede, verso la fine dell’anno mi capitano tra le mani (e tra le orecchie) le cose musicali più interessanti.

Comincio da un disco che aspettavo da molto tempo, qualche anno ormai… Ammetto subito di essere prevenuto in senso positivo riguardo questo artista, che ho avuto la fortuna di conoscere personalmente in uno strano momento della sua vita, in cui faceva base a Roma e cantava ogni tanto in giro per alcuni locali, illuminandoli ogni volta con la sua formidabile presenza scenica e la sua sorprendente potenza vocale.

Un giorno, poi, com’era apparso, Percival Duke è sparito di nuovo, tornato nella sua patria d’adozione, quella Germania in cui era approdato parecchi anni prima, lui statunitense texano con sangue nativo americano nelle vene e uno spirito libero decisamente incompatibile con il "clima" dello stato dalla stella solitaria.

In Germania Percival partecipa al talent show The Voice of Germany, dove le sue performance live di pezzi come Seven Nation Army dei White Stripes e soprattutto Hedonism degli Skunk Anansie entrano nelle classifiche ufficiali degli store digitali, aprendogli la strada per la pubblicazione del suo primo album, Never Shut Up!, che da pochi giorni ho finalmente per le mani.

Percival Duke è a mio modestissimo avviso un artista incredibile, un cantautore sensibilissimo e un rocker spaccaculi di primissimo ordine. Never Shut Up! è un concentrato di queste sue qualità; il disco è stato interamente registrato live in studio, per rendere al meglio quella che resta indubbiamente la sua migliore dimensione artistica. È un album che ti “taglia come un coltello”, ma di fronte al quale non si riesce a fuggire, autobiografico come ogni album d’esordio che si rispetti, ma le cui storie narrano di percorsi umani in cui è facile identificarsi e che mettono voglia di passare una serata seduti a chiacchierare con lui, davanti a un buon bicchiere di vino o di birra.

La sua musica è un rock essenziale, diretto, che sa spaziare dai colori tenui a quelli graffianti e vibranti, con una spiccata tendenza al pop, dove per pop intendo la capacità di arrivare immediatamente alle orecchie e al cuore di chi lo ascolta e lo guarda.

È un album in crescendo, con un livello qualitativo molto alto che prende il decollo di pezzo in pezzo; segnalo il singolo “The Knife”, impossibile non canticchiarne il refrain già dopo il primo ascolto; “NNNN” (che sta per NeoNaziNextdoorNeighbour), probabilmente il suo pezzo che amo di più, tra i primissimi che gli ho sentito cantare dal vivo; la toccante “His Majesty”, dedicata a tutti coloro che da bambini hanno subito abusi in famiglia; la conclusiva “Big Girl”, che continua a torcermi le budella ad ogni ascolto.

Percival è pronto a conquistare il mondo: volete lasciarvelo scappare così?

Percival
Never Shut Up!
Lo trovate in ascolto su Spotify,
il cd lo potete acquistare sul negozio tedesco di Amazon.

 
Di Tracca (del 10/10/2013 @ 11:35:37, in Le Trackulenze, linkato 605 volte)
Potremmo davvero essere a un punto di svolta storico per la gestione dei rifiuti a Roma: 10 anni fa al "modello San Francisco" ci credevano solo pochi pazzi, tra cui Sergio Apollonio e Maurizio Melandri del Comitato Cittadini di Malagrotta. Oggi la questione è sul tavolo del Sindaco e dell'Assessore all'Ambiente. Io ormai non credo più a nulla se non lo vedo, ma lasciatemi esprimere, per una volta, un po' di sano e ingenuo ottimismo.

Comunicato diffuso il 9.10.2013 dal Comitato Cittadini di Malagrotta.

Il sindaco Ignazio Marino, l’ Assessore all’ Ambiente Estella Marino., la Presidente del Municipio Roma XII Cristina Maltese (Municipio che, come noto, comprende anche l’ area di Malagrotta – Valle Galeria), insieme a funzionari del Dipartimento Ambiente e a rappresentanti dei Comitati cittadini della Valle Galeria , che fanno parte dell’ Osservatorio Ambientale Partecipato del XII Municipio - hanno avuto ieri un incontro di particolare e forse decisiva importanza per l’ evoluzione dell’ intero ciclo di gestione dei rifiuti della Capitale e della Provincia di Roma nel dopo-Malagrotta.

Il sindaco ha seguito infatti con grande attenzione l’ esposizione dettagliata e documentata del Programma Rifiuti Zero di San Francisco, per molti aspetti un programma rivoluzionario dal punto di vista ambientale. Jack Macy, responsabile del Programma per la città e la Contea di San Francisco, che coinvolge oltre sei milioni di persone, ha detto che il programma dà priorità assoluta alle esigenze dell’ ambiente e alla necessità di ridurre al minimo e progressivamente eliminare del tutto le emissioni inquinanti e l’ effetto serra, che discariche e inceneritori contribuiscono a produrre. Allo scopo di realizzare una gestione ambientalmente sostenibile dei rifiuti il programma di San Francisco applica rigorosamente e ad oltranza il metodo della raccolta differenziata spinta porta a porta sull’ intera area urbana della città e della Contea. Alla raccolta differenziata domiciliare si aggiunge poi l’ indispensabile impiantistica del riciclo dei materiali e del compostaggio dell’ organico. Il compost di qualità che viene prodotto - ha sottolineato Macy - è particolarmente apprezzato dagli agricoltori californiani, che lo utilizzano largamente per la produzione vinicola.

Da notare inoltre l’’ indicazione di un preciso obiettivo temporale, un vero e proprio traguardo per la strategia rifiuti zero, che si esprime in estrema sintesi in questi termini : ENTRO IL 2020, ZERO RIFIUTI NELLE DISCARICHE E ZERO RIFIUTI NEGLI INCENERITORIi Un tale traguardo risponde all’ esigenza, anche politicamente valida e sottoscrivibile, di un obiettivo preciso e quantificabile, che serva a mobilitare e concentrare gli sforzi collettivi verso una meta finale di gestione totalmente sostenibile dei rifiuti dal punto di vista ambientale. Il concetto del ciclo di vita dei materiali e del rifiuto quale materia prima seconda è basilare nella strategia rifiuti zero, che è anche improntata alla necessità della creazione di posti di lavoro (è infatti una strategia fortemente “labor intensive”).

Nel messaggio inviato al sindaco Marino prima del suo arrivo nella Capitale Jack Macy aveva proposto una collaborazione fra l’illustre città californiana e la capitale italiana per la realizzazione di un ciclo di gestione dei rifiuti condiviso fra le due città nei principi ispiratori e negli orientamenti di fondo. Ciò è particolarmente giustificato e necessario ora, ha detto, dopo che con la chiusura totale e definitiva - perché tale dovrà essere - della discarica di Malagrotta si è chiusa un’ epoca di gestione dei rifiuti, che è stata contrassegnata dal dominio assoluto e schiacciante della discarica, che è di per se stessa la negazione della sostenibilità ambientale. Ora è necessario avviare un ciclo di gestione dei rifiuti completamente nuovo e diverso dal “sistema Malagrotta”.

Il giorno prima della riunione con il sindaco di Roma, Jack Macy ha partecipato ad una riunione nella sede dell’ AMA con il Presidente Piergiorgio Benevenuti, il Direttore generale Giovanni Fiscon, i direttori operativi e i componenti del Consiglio di Amministrazione di AMA S. p. A. Sono state esaminate le problematiche relative al grande impegno dell’ AMA per accelerare l’ avvio della raccolta differenziata porta a porta nei quartieri della Capitale e le criticità esistenti in relazione all’ impiantistica del compostaggio, la cui realizzazione è particolarmente urgente, data la necessità di procedere quanto prima alla raccolta differenziata dell’ organico su tutta Roma. Nell’ ambito delle possibili iniziative comuni fra San Francisco e Roma è stata evocata una collaborazione per la commercializzazione del compost che sarà prodotto dall’ impianto di Maccarese e una reciproca certificazione di qualità del compost fra le due Amministrazioni.
 
Di Tracca (del 09/10/2013 @ 11:45:03, in Le Trackulenze, linkato 648 volte)
Sono stato una volta con A. a vedere la diga del Vajont.

Non ho potuto attraversarla, ma ci sono passato accanto a piedi e l'ho osservata da più punti, dal lato dell'invaso e da quello dello strapiombo. Fu un'esperienza molto forte, difficile da spiegare.

Mi apparve per quello che è: un maestoso capolavoro dell'ingegneria e della maestria umana. Rimasta in piedi nonostante le sollecitazioni quasi 10 volte superiori a quelle previste dal progetto.

Peccato che fosse stata tirata su, consapevolmente e con piena conoscenza delle probabilissime tragiche conseguenze, nel posto più sbagliato che si potesse immaginare. In nome del profitto della SADE e di chi la dirigeva, che possano marcire all'inferno per sempre.
 
Di Tracca (del 08/10/2013 @ 12:09:17, in Le Trackulenze, linkato 868 volte)

Io, sulla questione dei migranti che vogliono venire in Europa, la penso esattamente come Andrea Segre.

Leggete questo post e poi ditemi se noi che la pensiamo esattamente in quel modo siamo dei poveri illusi che vivono sulla Luna.

Io sono stufo, arcistufo, nauseato di sentire sui media le vacue cazzate di Alfano e Napolitano sull'esigenza di rafforzare Frontex e le bestemmie inumane di gente come Gianluca Pini, che afferma "quando la Bossi-Fini era applicata DAVVERO, i migranti non arrivavano più a Lampedusa". Bene, pezzo di merda, ti sei mai chiesto che fine facessero quegli esseri umani?)

Non spegnete il cervello. Come dice Pippo Civati, le cose si cambiano, cambiandole. Quando voterete per le elezioni Europee, l'anno prossimo, pensate bene a chi votate e a cosa propone per cambiarlo, questo continente-fortezza sempre meno umano.

 
Di Tracca (del 03/10/2013 @ 12:16:40, in Le Trackulenze, linkato 23371 volte)

È inutile girarci intorno: se un giorno la cosidetta “anomalia” berlusconiana dovesse finire, e forse da ieri siamo un pochino più vicini a quel giorno, essa lascerà spazio all’unica altra forma politica che questo paese è in grado di sostenere: il democristianesimo.

Dal momento della stretta di mano tra Letta ed Alfano – che gli eccezionali titolisti del Manifesto hanno prontamente ribattezzato “Scudo Incrociato” – è stato un florilegio di nostalgici amarcord sui bei tempi in cui l’economia cresceva (mentre si distruggeva l’Italia e se ne minava per sempre l’equilibrio idro-geologico), il governo della nazione era stabile (anche se i culi sopra le poltrone cambiavano ogni 6 mesi in un eterno balletto danzato sempre sulla stessa musica), la gente era ottimista (ma la polizia sparava e uccideva chi scioperava per avere condizioni di vita e di lavoro meno umilianti).

È significativo che Enrico Letta, ieri, abbia citato proprio il periodo tra la nascita della Repubblica e il 1968 come l’era felice della storia italiana. Come dire che l’Italia buona può solo essere l’Italia asservita al potere democristiano, al limite fiancheggiato da un partito socialista piccolo e sostanzialmente succube.

Sono troppo giovane per avere nostalgia degli anni ’70, di cui ricordo anche io soprattutto le bombe fasciste e gli omicidi del partito armato; ma gli anni tra il 1968 e il 1978 hanno rappresentato, probabilmente, l’unico momento della storia italiana in cui la dimensione collettiva, la sensazione di essere parte di una comunità diversa e più ampia di quella della propria famiglia, sia riuscita a sfidare a viso aperto l’individualismo egoista e il familismo amorale così tipici dell’essere italiano. Venendone sconfitta in maniera feroce, brutale, definitiva.

Non ci sono vie di mezzo: l’Italia può solo essere democristiana o fascista. Mettiamocelo in testa una volta per tutte, cerchiamo di convivere con questa verità e facciamocene una ragione.

 
Di Tracca (del 07/05/2013 @ 14:05:23, in Il CritiCapone, linkato 12569 volte)

Il mondo, si sa, è pieno di rompicoglioni. Le possibilità di incontrarne sul proprio cammino è direttamente proporzionale al mestiere che si fa, a quanto si è noti, a quanto ci si espone al pubblico. Alcune categorie professionali, come i politici, scelgono l’esposizione mediatica per cercare consenso e voti; altre, come gli artisti che lavorano nello show-biz, lo fanno per ampliare il proprio pubblico di riferimento e quindi la platea dei potenziali acquirenti di biglietti di concerti e spettacoli, merchandising, al limite persino dischi.

Quindi se la propria professione, anche superati i 50 anni, resta quella di fare il musicista e di apparire sui media per promuovere in qualche modo la propria immagine, è inevitabile che nella cerchia dei propri “fans” si verranno a trovare anche persone che fanno della raccolta di immagini registrate con i moderni mezzi multimediali una vera e propria ragione d’essere. Può non piacere, ma fa parte del gioco e va accettato con un sorriso e con tanta, tanta pazienza. A meno che non si scelga una strada tipo J.D.Salinger o Mina, opzione dignitosa e con alcuni indubbi svantaggi, ma sempre considerabile.

Io sono ancora tra quei residui romantici che crede che il rapporto tra artista e fan costituisca la migliore base per la creazione di un pubblico fedele che ti seguirà sempre e comunque. È questo, del resto, uno dei motivi che mi ha legato per tanti anni, quasi 25 ormai, a Elio e le Storie Tese. E sebbene questo rapporto si sia obiettivamente già affievolito negli anni, anche e soprattutto per l’intervenuta assenza di una figura di intermediazione tra band e fans (soprattutto cosciente ed entusiasta del suo ruolo), devo dire che mi ha molto colpito la presenza nel nuovo album degli EelST di ben due brani in cui si inveisce contro questo aspetto dell’appartenere (per scelta propria, è sempre bene ricordarlo) a una categoria professionale di persone esposte, e quindi note, e quindi soggette al desiderio di essere oggetto di foto e video da parte dei fans… oppure oggetto delle attenzioni di gente che a sua volta caga il cazzo per professione e cerca in ogni modo un contatto con l’artista famoso.

È un tema molto riconoscibile, quello dell’insofferenza, ne “L’Album Biango”, settimo lavoro di inediti in studio degli EelST in 24 anni di carriera discografica. Non solo nei due pezzi a cui ho fatto cenno sopra (“Lampo” e “Il Tutor di Nerone”), ma anche in altri pezzi come l’osannato singolo apripista “Complesso del Primo Maggio” o la sanremese “La Canzone Mononota”, in cui oggetto del malcelato fastidio della band sono in varia misura colleghi musicisti e altre persone impegnate nello stesso campo professionale; oppure in “Una sera con gli amici”, in cui si constata un po’ catalanamente che gli amici son sempre pronti a (s)parlare alle spalle degli assenti.

Il disco, complessivamente bello e gradevole da ascoltare, in verità di totalmente inedito ha abbastanza poco, specie per chi ha visto la band dal vivo almeno una volta negli ultimi due anni. Oltre ai brani presentati all’ultimo festival di Sanremo, di cui ho già parlato qui, nell’album trovano posto pezzi già eseguiti dal vivo: la bellissima "Come gli Area", introdotta da un pezzo strumentale suonato dagli stessi Area, intitolato enigmisticamente (nel senso della Settimana Enigmistica) “Reggia (base per altezza)”, che paradossalmente è a mio parere il momento più emozionante dell’intero lavoro; "Enlarge (your penis)", pezzo dalla struttura musicale davvero considerevole, ma un po’ impoverito da un testo il cui tema mi sembra affrontato largamente fuori tempo massimo; "Il ritmo della sala prove", simpatico amarcord dei garage days della band, impreziosito dall’armonica del Puma di Lambrate.

Il resto, ciò che è del tutto inedito, che per un vero fan rappresenta il principale motivo di gioia nel momento dell'uscita di un disco nuovo, scivola via senza grandi sussulti, purtroppo. Oltre alle già citate "Lampo", "Il tutor di Nerone" e "Una sera con gli amici", non mi hanno entusiasmato né l'auto-cover "Amore amorissimo" né “Lettere dal www”, blanda introduzione a “Enlarge” che suscita impietosi paragoni al gusto di sfacciottino di Papà Barzotti.

Discorso a parte merita, a mio modestissimo avviso, "Luigi il Puglista", brano dalla classica struttura di canzone melodica sanremese, scritto suonato ed arrangiato così bene che, come mi ha detto un caro amico, se lo avesse cantato Tiziano Ferro (con un testo diverso, ma non necessariamente) sarebbe rimasto in classifica un anno intero senza problemi. Se poi questo sia un pregio o un difetto lo lascio decidere a voi: non c'è dubbio però che il pezzo stia una bella spanna e mezza sopra gli altri.

Infine merita menzione "A Piazza San Giovanni", interpretata con meravigliosa enfasi finardiana da (toh!) Eugenio Finardi, che contiene quello che per me è il verso più bello dell'album: "...perché il biglietto del concerto del primo maggio è un omaggio.".

Dei 70 minuti complessivi del cd, tolti i circa 13 minuti di ghost track e un 6/7 minuti totali di intermezzi (sui quali non mi esprimo per carità di patria), restano una cinquantina di minuti di produzione; dieci minuti per ogni anno trascorso dalla pubblicazione di Studentessi. Non voglio farne necessariamente una questione di quantità, ma è un parametro che indica chiaramente il livello di priorità che un album di inediti in studio riveste in questi anni per i componenti degli EelST.

Termino queste righe con un auspicio: ieri, durante la conferenza stampa di presentazione del disco, Elio ha letto una lettera di Rocco Tanica, da qualche settimana assente sia durante i concerti (vi assicuro che la tastiera montata e vuota sul palco del PalaBAM di Mantova dove li ho visti sabato scorso faceva davvero impressione) che durante gli altri appuntamenti pubblici della band. La letterina dice (la riporto così come pubblicata sul sito di Rolling Stone Magazine): “Cari tutti, vorrei spiegare la mia assenza da concerti ed eventi promozionali. Vorrei precisare che non ci sono contrasti con i miei amici e colleghi. Ma solo la necessità di un periodo di tempo da dedicare esclusivamente a questioni personali e private per me importanti. Conto di affrontare nuove mirabolanti avventure insieme al miglior complessino che io conosca: i Rolling Stones. Se mi prendono. Ma anche gli Elio & le Storie Tese vanno bene lo stesso”.

Ecco, io spero davvero che i Rolling Stones non prendano Rocco Tanica tra le loro fila! Anzi, vorrei rivolgergli un caloroso appello: non farlo Rocco, mandali affanculo, gli Stones! Elio e le Storie Tese senza di te sono come una meravigliosa scultura in una stanza completamente buia: sai che è lì, sai che è bellissima, ma senza luce non puoi fare altro che immaginarla!

 

Elio e le Storie Tese

L’Album Biango

Hukapan 2013

 

 
Ci sono 36 persone collegate

< agosto 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Diario di bordo (3)
Extra Vaganze (3)
Fioresaverio (5)
Fotonotizie (1)
Il CritiCapone (19)
Intercettazioni illegali (1)
Le Sukkié (12)
Le Trackulenze (129)
Missive inevase (2)
Ultim'ora (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Order keflex order k...
25/07/2017 @ 04:32:36
Di Anonimo
Order calendars onli...
25/07/2017 @ 04:26:07
Di Anonimo
Buy zestril order ke...
25/07/2017 @ 03:13:33
Di Anonimo

Titolo
Traccafoto (9)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo

Ascolti?
Elio e le Storie Tese
"Figgatta De Blanc""
------------------------------------
I Cani
"Aurora"

 





25/07/2017 @ 04:34:18
script eseguito in 1250 ms